Per sopravvivere alla crisi, le aziende devono adattarsi al cambiamento

di Alessandro Aru

clock image2 minuti

adattamento

Da quando siamo entrati nell’emergenza sanitaria provocata dal Coronavirus, moltissime aziende hanno dovuto affrontare una grossa crisi economica. Per sopravvivere, hanno dovuto adattarsi ai cambiamenti, all’innovazione, al sopravvento della tecnologia.

La parola “adattamento” è diventata, in poco tempo, il fulcro di moltissime realtà, commerciali e non solo, l’unico modo per rimanere a galla nonostante la crisi.

Il tema della disabilità si lega inaspettatamente a questo concetto di innovazione e adattamento, perché l’esperienza della disabilità consente alle aziende di valutare il livello di adattabilità e di flessibilità della propria realtà economica.

La narrazione della disabilità può aiutare le aziende a cambiare il proprio assetto

Il cambiamento è una cosa costante, che porta ad affrontare diverse sfide e spesso a mettere in discussione tutto ciò che era prima e che dopo non può più essere.

Che sia limitato da barriere economiche, fisiche o sociali, l’imprinting dell’adattabilità è caratteristico dell’attitudine.

La domanda, qui, però sorge spontanea: in che modo le aziende possono giovare da questa tematica per poter migliorare il proprio business?

Innanzitutto è importante sottolineare che il cambiamento per un’azienda è fondamentale perché le consente di adattarsi facilmente a un mercato in costante movimento. L’adattamento avviene in tempo reale e su ogni livello possibile e consente alle piccole, medie e grandi imprese di continuare a rimanere a galla, nonostante il panorama della crisi si faccia sempre più funesto e preoccupante.

Nel suo libro “Managing Oneself, the practice of Adaptation”, Peter F. Drucker individua 4 domande fondamentali che ogni imprenditore dovrebbe porsi, sia in riferimento a se stesso che in riferimento alla sua azienda:

  • Quali sono i miei punti di forza?
  • Com’è la mia performance?
  • A cosa do valore e importanza?
  • Come faccio a imparare?

Le aziende cambino il proprio mindset

Il mindset aziendale deve cambiare, necessariamente, e deve adattarsi sempre di più alle esigenze di questo cambiamento. Le imprese devono stare al passo coi tempi e rispondere come possono, con tutti gli strumenti di cui dispongono, ai bisogni dei consumatori. Per poter rimanere in piedi, in un periodo di crisi come questo, adattarsi ai cambiamenti è la chiave, la soluzione, l’unica speranza.

Ancora una volta, la narrativa riguardante l’esperienza della disabilità può essere la cartina al tornasole per le aziende comprendere se il cambiamento che stanno abbracciando va nella giusta direzione o se è necessario, invece, aggiustare in qualche modo il tiro.

image of alessandroaru

Alessandro Aru

Ciao a tutti, mi chiamo Alessandro Aru e collaboro con Mirko da 3 anni. In questo tempo mi sono lasciato coinvolgere dal suo carisma e voglia di fare. Sono onorato di aiutarlo a gestire questo progetto di blogging.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >