N

Social

Il nuovo target di riferimento per i brand online è la Generazione Z

di Giuseppe Tavera

clock image3 minuti

Brand Online e Generazione Z

Con il termine Gen Z si intende la Generazione Z, i post-millennials, quelli nati tra la seconda metà degli anni 90 e il 2010. La gioventù moderna, i più grandi utilizzatori dei social network in tutto il mondo, quelli per cui piattaforme come TikTok e Instagram sono diventate nuovi strumenti di promozione e comunicazione anche per brand rinomati e di alto livello.

Nel mondo del Social Media Marketing, la generazione Z è il target di riferimento per una campagna commerciale online di successo: sono i giovanissimi, infatti, a dettare i trend del nuovo millennio, a decretare successi e fallimenti delle grandi marche, a definire i nuovi standard.

Se un prodotto è destinato a crescere nel mercato e ad avere successo, bisogna chiedere a un Gen Z.

Secondo Alexa, i giovani sono alla ricerca di Brand inclusivi

Secondo uno studio condotto dal team di Amazon Alexa, il 68% dei giovani appartenenti alla Gen Z si aspettano che i loro brand di riferimento diano un contributo sostanziale alla società. Il 71%, invece, vorrebbe una comunicazione online molto più orientata verso inclusività e diversità.

Inutile negare che l’emergenza sanitaria ha giocato un ruolo cruciale in tutto questo, cambiando drasticamente il modo in cui le persone, giovani e meno giovani, approcciano ai social media in generale.

Secondo i responsabili di Amazon Alexa, infatti:

Durante la pandemia globale c’è stato un investimento maggiore del 74% in Social Media Marketing, sia da parte delle aziende che già facevano largo uso dei social, sia da parte dei brand che ci si sono avvicinati per la prima volta nel 2020. Probabilmente, nel corso degli anni a venire, le imprese spenderanno anche di più.

Gen Z: nativi digitali con una visione del mondo universale

La Generazione Z è molto diversa dalle altre. In quanto nativa digitale a tutti gli effetti, concepisce il mondo e la realtà senza un confine ben definito. I giovani Gen Z percepiscono loro stessi come dei cittadini globali, in cui barriere e diversità smettono letteralmente di esistere. Per questo motivo, è molto importante per loro che i brand riconoscano questa fluidità, questa diversità, questa equità, questo mondo incredibilmente aperto e inclusivo. Le imprese che lanciano i propri prodotti online devono puntare necessariamente a un’equità e a un’inclusività reali, concrete, in grado di accogliere davvero tutti.

Non solo: i giovani d’oggi hanno una mente incredibilmente attiva e hanno bisogno, quindi, di avere più opzioni tra le mani, di non stancarsi o annoiarsi mai. Per questo motivo puntano molto su applicazioni visive e interattive come TikTok o Instagram: perché possono mettersi alla prova producendo contenuti personalizzati e perché possono interagire più facilmente con i brand preferiti, nella speranza di trovare ciò che cercano.

image of giusetavera

Giuseppe Tavera

Giuseppe Tavera - Apprendista influencer. Vecchio sardo brontolone, mi occupo di sviluppo web e blogging per Nextre Engineering e il blog di Mirko Cuneo. Scrivo da quando si spammava su MySpace.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >