Londra in Smartworking: si svuotano gli uffici per contrastare la pandemia

Londra in Smartworking: si svuotano gli uffici per contrastare la pandemia

di Domiziana Desantis

clock image3 minuti

la city di londra va in smartworking

L’emergenza sanitaria causata dal Covid ha messo in ginocchio l’economia mondiale, spingendo le grandi capitali del mondo a riprogrammare le proprie abitudini, di lavoro e di vita.

Anche la City di Londra non è da meno: il cuore pulsante della finanza europea sta piano piano abbandonando le scrivanie per abbracciare la filosofia dello smartworking. Un duro colpo, per le aziende inglesi incastonate nella City, abituate com’erano a vivere nei propri uffici milionari.

I primi a effettuare questo cambio di rotta sono stati PwC (Pricewaterhouse Coopers), nota società di accounting della capitale inglese) e la casa di gestione Schroders.

Smartworking: il caso PwC e Schroders

PwC, nello specifico, ha comunicato al Guardian che nei prossimi mesi buona parte dei suoi dipendenti lavorerà principalmente in smartworking.

Stando alle parole del presidente Kevin Ellis:

Il lockdown ha dato il colpo di grazia al presenzialismo, non c’è dubbio su questo. Molti leader hanno capito che il loro staff può essere altrettanto produttivo, coinvolto e felice lavorando da casa.

Schroders, invece, punta sullo smartworking a 360°, anche a fine emergenza, per promuovere un lavoro più flessibile e migliorare la produttività nel lungo termine.

Il CEO, Peter Harrison, ci comunica che:

La pandemia ha cambiato la società in maniera irreversibile. L’ufficio diventerà un posto in cui convocare le riunioni periodiche tra i dipendenti, ma il lavoro quotidiano si svolgerà nelle case.

C’è da dire che la Gran Bretagna ha vissuto la pandemia in lieve ritardo, rispetto all’Italia e al resto del mondo. La ripartenza, quindi, è ancora lontana per loro e sono ancora tanti i cosiddetti “collari bianchi” che sono effettivamente ritornati in ufficio (o stanno per ritornarci).

Londra diventerà capitale dello smartworking

Rispetto al 26% di Parigi e al 22% di Barcellona, a Londra il 69% dei lavoratori è ancora in smartworking. Le aziende della City e non solo stanno spingendo per mantenere il lavoro da casa una nuova buona abitudine, per ridurre sensibilmente i rischi del contagio, ma anche per migliorare la qualità della vita dei propri dipendenti. Uno dei – pochi – dati positivi di questa pandemia è la scoperta del lavoro da remoto, che ha ridotto i tempi di spostamento per i lavoratori, con un conseguente miglioramento dell’ambiente e dello stato d’animo dei pendolari.

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, non è particolarmente d’accordo con queste scelte. La ragione è molto semplice: se la gente rimane a casa nelle ore lavorative, ci sarà un duro colpo all’economia della città, che vedrà una sensibile diminuzione di pendolari e pasti consumati fuori casa nelle ore di punta. In una recente intervista, Sadiq Khan ha dichiarato quanto segue:

Se tutti restassimo a casa per il centro di Londra sarebbe un problema. Molte piccole attività si basano proprio sul fatto che le persone vadano al lavoro: bar, caffè, lavanderie, calzolai e tanti altri.

image of Domiziana Desantis

Domiziana Desantis

Il potere delle parole mi ha sempre affascinata, tanto che ho fatto della comunicazione la mia professione. Lavoro come Web Content Creator ...

N

Le tendenze che domineranno la trasformazione digi...

Key Trend

Frost & Sullivan è un’azienda specializzata in business consulting, ricerche e analisi di mercato con sede a Mountain View, in California, e vanta 40 uffici sparsi per i 6 continenti. In uno dei suoi ultimi report, The Reshaping of Industries Caused by COVID-19, sono emersi 9 interessanti Key Trend durante questa emergenza sanitaria. La parola […]

Leggi la news >
N

Google sotto accusa per concorrenza spietata verso...

Google fa concorrenza spietata ai competitors

Il governo degli Stati Uniti denuncia la divisione Google incentrata sulle ricerche online. L’accusa è di aver attuato una concorrenza spietata verso i competitors per aumentare e proteggere il suo monopolio. Dopo 14 mesi di investigazioni, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta valutando se Google ha virato le ricerche degli utenti verso i […]

Leggi la news >