Per superare la crisi, IT e HR devono collaborare a sostegno dei lavoratori

di Luna Saracino

clock image2 minuti

Collaborazione tra IT e HR

Il mondo del lavoro sta cambiando, per certi versi radicalmente.

Secondo una ricerca condotta da Roy Morgan, compagnia specializzata in analisi e ricerche di mercato, più di 4.3 milioni di persone in Australia sta lavorando da remoto. Praticamente il 32% della forza lavoro nazionale.

Diverse aziende, infatti, stanno rimpicciolendo gli uffici fisici per favorire lo smart working a lungo termine. È una vera e propria sfida, quella che si prospetta in futuro, sia per i lavoratori dipendenti che per i loro dirigenti.

Il lavoro da remoto va gestito in maniera totalmente diversa rispetto al lavoro in ufficio, sia dal punto di vista logistico che da quello emotivo. Dal punto di vista logistico, i dirigenti dovrebbero fornire ai dipendenti tutto ciò che occorre per poter lavorare autonomamente. Dal punto di vista emotivo, però, è altrettanto importante aiutare i lavoratori a gestire eventuali burnout, perché il limite tra il lavoro agile e il sovraccarico lavorativo è davvero molto labile.

IT e HR uniti a sostegno dei lavoratori in smartworking

Per questo motivo, tanto l’IT quanto l’HR dovrebbero collaborare per poter dare un supporto concreto ai lavoratori, per aiutarli a organizzare al meglio i propri impegni e a superare la tempesta che li travolgerà negli anni a venire.

Il settore dell’IT è sempre stato relegato a un ambito prettamente tecnologico e correlato soprattutto alla cybersecurity. Allo stato attuale, però, il panorama della cybersecurity è diventato sempre più complesso e con minacce sempre più sofisticate. Queste minacce, poi, rischiano di essere molto pericolose per i lavoratori in smart working, che a distanza potrebbero non avere il supporto utile a schermarsi da eventuali pericoli.

Com’è possibile evitare problemi di questa natura, soprattutto a distanza? Rafforzando innanzitutto le skills dei lavoratori, anche in ambito tecnologico, preparandoli a eventuali minacce e a una gestione preliminare delle stesse.

L’importanza si un approccio “Zero Trust”

L’approccio ideale da seguire, per le aziende, è detto “Zero Trust”, letteralmente “Zero Fiducia”, grazie al quale tutto ciò che arriva dall’esterno è percepito come una potenziale minaccia e di cui è sempre meglio non fidarsi. L’approccio “Zero Trust” non è un prodotto, ma un mindset, una forma mentis, una metodologia. E se da un lato è compito dell’IT occuparsi del lato tecnico di questo approccio, spetterebbe all’HR spiegare ai lavoratori quanto è importante restare all’erta e non fidarsi subito di ciò che proviene dall’esterno. Per questa ragione, IT e HR devono poter collaborare, perché solo così è possibile una fluidità per i lavoratori in smart working.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >