L’importanza di umanizzare l’esperienza del consumatore

di Luna Saracino

clock image3 minuti

Esperienza Consumatore

Durante un evento virtuale di Reuters, che ha contato più di 5000 utenti virtuali, è emerso un dato interessante, anche se ormai piuttosto prevedibile: niente sarà più come prima.

L’emergenza sanitaria e il lockdown hanno abituato le persone a rimanere a casa, spesso anche lavorando da remoto, e a effettuare acquisti online e su siti di e-commerce. I negozi fisici stanno via via scomparendo e questa è, forse, una realtà a cui piano piano dobbiamo abituarci.

C’è una vita prima e dopo il COVID-19, quindi: se prima era ancora piacevole passeggiare per i quartieri e fare acquisti nei negozi, oggi le cose sono cambiate e per le imprese questo è un dettaglio da non sottovalutare se il desiderio è di aumentare le vendite online.

Offrire alle imprese soluzioni, non tecnologie

Rafforzare le infrastrutture digitali può essere una soluzione, ma ci sono realtà che davvero non sanno da che parte cominciare. Ci vuole tempo, competenza, dedizione. Le imprese devono avere reparti dedicati a IT e tecnologie digitali e non sempre sono provviste di ciò che serve per poter portare avanti un discorso come questo.

Come fare a uscire da questo loop? Offrendo alle imprese soluzioni, non tecnologie, aiutandole a focalizzare i loro sforzi sullo sviluppo tecnologico e digitale e per garantire sicurezza e stabilità.

Le piccole imprese sono quelle più preoccupate, in questo senso, perché non sono sempre in grado di strutturare ottime soluzioni digitali, soprattutto per ciò che riguarda l’e-commerce. La trasparenza, in ogni caso, è sempre la soluzione, soprattutto quando si ha a che fare con i propri clienti, sia reali che potenziali, sia fidelizzati che nuovi. I consumatori, infatti, sono ben propensi a sostenere le imprese locali, purché sia chiaro il processo di acquisto: le imprese, dal canto loro, devono garantire una spedizione certa seppur con tempistiche dilatate, così da assicurarsi la fiducia di chi acquista presso di loro.

Accettare la presenza di una nuova realtà

La pandemia del COVID-19 ci ha messo di fronte a una nuova realtà, una realtà che nostro malgrado dobbiamo accettare, una realtà che probabilmente non andrà mai più via. Non è necessariamente una cosa negativa, questa: i cambiamenti radicali e repentini servono anche a dare una scossa alle imprese in stallo e che non erano effettivamente pronte ad abbracciare il futuro dell’economia. Invece il futuro è presente ed è caratterizzato da una forte, fortissima presenza di digitale, all’interno della vita quotidiana delle persone: un digitale, questo, che coinvolge ogni aspetto della nostra esistenza, sia pubblica che privata.

È tempo che le imprese non voltino più la faccia dal lato opposto e che accolgano questo cambiamento.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro
N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >