N

Social

Facebook, Google e la raccolta di informazioni a scapito degli utenti

di Giuseppe Tavera

clock image3 minuti

facebook e la raccolta dei dati degli utenti

La maggior parte delle persone che navigano online utilizzano Amazon, Facebook, Apple, Google. Soprattutto Facebook e Google, sono diventati la fonte principale di informazione, per tutti quelli che vivono parte della loro esistenza su internet.

Secondo alcune stime, ogni mese circa 3 miliardi di persone utilizza Facebook, Instagram o Whatsapp. Tra loro, circa il 90% degli utenti di Facebook vive al di fuori degli Stati Uniti d’America.

È come se queste realtà, in questo momento, detenessero una specie di monopolio sulla comunicazione online, impedendo a chi vorrebbe spingersi verso altri lidi la possibilità di guardare oltre il proprio seminato.

Il monopolio di Mark Zuckerberg & Co.

Internet si è trasformato da ecosistema potenzialmente aperto a struttura rigida, chiusa, quasi obbligata. Per comunicare con gli amici usi Whatsapp. Per postare le tue foto c’è Instagram. Per leggere le notizie ci sono pagine e gruppi su Facebook. Per cercare informazioni c’è Google. Ci sarebbero, in realtà, tantissime altre alternative, ma per qualche ragione rimaniamo tutti ancorati a questo. E non riusciamo più a farne a meno.

E dire che nessuna di queste realtà ha dimostrato un reale interesse per i diritti umani o per la privacy dei propri utenti. Eppure noi siamo sempre lì, a utilizzare le loro piattaforme come se davvero non ci fosse altra alternativa. Ma è veramente così?

Sfruttare i data degli utenti per monetizzare

Il modello di business di Google e Facebook si basa proprio su questo: sfruttare le informazioni degli utenti a proprio vantaggio, spesso monetizzando tali informazioni vendendole a terzi. Tutto a costo zero per gli utenti stessi, che possono registrarsi sulle loro piattaforme in qualunque momento senza spendere neanche un centesimo. E mentre noi navighiamo felici e tranquilli, mettendo like a ciò che ci interessa e comunicando con le persone tra i nostri contatti, Facebook e Google raccolgono i nostri dati, profilano gli utenti in base a gusti, preferenze e interessi e creano, così, un engagement maggiore, fidelizzando gli utenti stessi una volta per tutte. Siamo agganciati a queste realtà nostro malgrado, perché ci illudiamo in qualche modo di avere un potere decisionale. La verità, però, è che sono loro a decidere per noi.

La parte peggiore arriva nel momento in cui Facebook e Google riescono a passare sopra i diritti umani basilari per poter trarre vantaggio dalle comunicazioni tra gli utenti. Ciò in cui falliscono costantemente queste realtà, infatti, è cercare di far rispettare gli standard della comunità, limitando la diffusione di odio, razzismo e violenza di genere. Fallisce perché raccogliere dati e raggiungere utenti è molto più importante, anche più del benessere degli utenti stessi.

image of giusetavera

Giuseppe Tavera

Giuseppe Tavera - Apprendista influencer. Vecchio sardo brontolone, mi occupo di sviluppo web e blogging per Nextre Engineering e il blog di Mirko Cuneo. Scrivo da quando si spammava su MySpace.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

I consumatori preferiscono contattare le imprese v...

I consumatori contattano le imprese via chat

L’e-commerce è il commercio del futuro. Lo è già da diversi anni, a dire il vero, ma l’emergenza sanitaria ha spinto tantissime persone all’interno delle proprie case, portandole ad acquistare sempre di più online, anche beni di prima necessità. La parola chiave del 2020 è stata trasformazione, sia digitale che strutturale delle imprese, che non […]

Leggi la news >
N

Gli strumenti fondamentali per una buona strategia...

Strategie ABM secondo LinkedIn

Per far fronte alle sfide degli esperti di marketing, LinkedIn sta provando a elaborare soluzioni che coinvolgano le strategie ABM, quelle che riguardano il cosiddetto account-based marketing. La strategia ABM consiste nell’individuare le aziende che fanno parte di un determinato target e costruire progetti dedicati con lo scopo di attirare quante più persone possibili. Un […]

Leggi la news >
N

Quali sono le tendenze del settore ICT previsti pe...

Tendenze nell'ICT nel 2021

Con l’acronimo ICT si intendono le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ovvero l’insieme di tecniche con cui si trasmettono, ricevono o elaborano dati e informazioni, anche attraverso le tecnologie digitali. Gli esperti del settore ICT, nel corso del 2020, si sono trovati a dover affrontare uno scenario apocalittico, dal punto di vista delle previsioni future. […]

Leggi la news >