N

Social

Facebook: facile da odiare, difficile da abbandonare

di Giuseppe Tavera

clock image3 minuti

Facebook Gruppi

Prima dell’emergenza sanitaria, molta gente ancora non aveva neppure un profilo su Facebook. La gente utilizzava i social media in modo sporadico, spesso per combattere la noia in fila al supermercato o alla fermata del tram. Da quando, però, è esplosa la pandemia del COVID-19, i numeri degli utenti sul social network di Zuckerberg sono cresciuti esponenzialmente.

La permanenza costante online rende questo il luogo virtuale in cui le aziende possono fare Facebook advertising e ampliare il proprio bacino di utenti e clienti. Infatti, nonostante diverse contraddizioni, complessità, mosse discutibili da parte del social media, gli utenti faticano ad allontanarsene, non riescono a farne a meno.

Gli utenti restano su Facebook grazie ai gruppi

Secondo una stima effettuata da Facebook in persona, durante il lockdown tantissime persone hanno utilizzato i gruppi, probabilmente per farsi compagnia o per scambiarsi opinioni. In qualche modo, Facebook aveva sostituito le piazze dei paesi, il bar sotto casa, i luoghi di incontro e scambio tra le persone.

Negli ultimi mesi, tuttavia, c’è stato un preoccupante aumento di abbandoni della piattaforma: la maggior parte degli utenti che hanno deciso di andare via, ha criticato Facebook per lo scarso impegno profuso nella lotta alle fake news e ai messaggi contenenti odio e violenza. Più di tutto, però, molti non riescono ad accettare che Facebook non abbia mai preso una posizione netta contro la cattiva informazione dei post di Donald Trump e dei suoi sostenitori.

È dai tempi dello scandalo di Cambridge Analytica, comunque, che Facebook ha visto il terreno sgretolarsi sotto i suoi stessi piedi e ha cominciato a perdere una grossa fetta di utenti, anche i più fedeli e affezionati alla piattaforma.

Critica alle scelte “politiche” di Facebook

La gente si lamenta, ma non riesce ad abbandonare la piattaforma. Come mai? Secondo alcuni, la ragione sono proprio i gruppi: all’interno dei gruppi si costruisce una comunità di persone con interessi comuni, è possibile scambiarsi opinioni, informazioni, notizie, consigli. I gruppi hanno sostituito in tutto e per tutto i luoghi di incontro quotidiani e in questo senso hanno trasformato il modo con cui le persone solitamente interagiscono tra loro.

Allo stesso tempo, però, la gente si è accorta del cambiamento delle policy di Facebook e teme ci possano essere ripercussioni sulla loro libertà di parola. L’impressione generale, infatti, è che Facebook censuri la gente senza un reale motivo. Per molti la colpa è proprio del suo proprietario, Mark Zuckerberg, per molti visto come una persona discutibile, con opinioni e scelte quasi mai condivisibili.

image of giusetavera

Giuseppe Tavera

Giuseppe Tavera - Apprendista influencer. Vecchio sardo brontolone, mi occupo di sviluppo web e blogging per Nextre Engineering e il blog di Mirko Cuneo. Scrivo da quando si spammava su MySpace.

Leggi altro
N

Nel 2020 abbiamo scaricato 200 miliardi di applica...

Aumento dello scaricamento delle applicazioni

Secondo App Annie State of Mobile Report 2021, nel 2020 sono state scaricate circa 200 miliardi di applicazioni sui dispositivi mobili, sia da App Store che da Google Play. Praticamente circa il 7% in più rispetto all’anno precedente. Si tratta di un traguardo senza precedenti che non ha alcuna intenzione di arrestarsi e che, anzi, […]

Leggi la news >
N

Cosa possono fare le imprese per riprendersi dalla...

Le imprese si riprendono dalla crisi

Il 2020 è stato un anno impegnativo, sia dal punto di vista sociale che economico. Moltissime imprese si sono ritrovate a dover ricominciare daccapo e rivedere le proprie priorità. Le sfide messe in atto sono state tantissime e altrettante ce ne saranno nei mesi a venire. Le imprese devono prepararsi ad affrontare i problemi nel […]

Leggi la news >
N

LinkedIn introduce nuovi strumenti di controllo de...

controllo delle pubblicazioni su LinkedIn

LinkedIn ha aggiunto di recente alcune funzionalità che consentono di controllare meglio i post pubblicati. Si tratta di strumenti di pubblicazione che consentono di restringere il campo di visualizzazione dei post a un determinato pubblico. In questo modo, sarà possibile anche su LinkedIn decidere chi può vedere ed eventualmente commentare un tuo post o un […]

Leggi la news >