Modifiche Google Ads: stop alla "pubblicazione accelerata"
N

Modifiche Google Ads: stop alla “pubblicazione accelerata”

di Giuseppe Tavera

clock image2 minuti

Modifiche Google Ads: stop alla "pubblicazione accelerata"

Da ottobre la pubblicazione accelerata del budget di Google Ads verrà definitivamente disattivata per le campagne di ricerca, Shopping e quelle con budget condivisi. Le campagne che utilizzano la pubblicazione accelerata passeranno automaticamente a quella standard.

Le modifiche previste cominceranno il 17 settembre, dopodiché la pubblicazione standard diverrà l’unica opzione attiva per gli inserzionisti.

Il passaggio automatico avverrà entro il 1° ottobre. Ciò significa che tutte le campagne di ricerca, Shopping e quelle con budget condivisi passeranno automaticamente alla pubblicazione standard entro tale data.

L’opzione di pubblicazione accelerata resterà invece attiva per le campagne display e video, proprio come dichiara Google.

A cosa è dovuto tale cambiamento? In genere gli inserzionisti scelgono la pubblicazione accelerata quando l’obiettivo è generare il maggior numero possibile di conversioni, entro un determinato CPA target.

Si tratta di una strategia particolarmente diffusa tra gli e-commerce, solitamente disposti a spendere grosse cifre per raggiungere nuovi clienti.

In questo caso il budget giornaliero imposto è piuttosto alto, fissato in modo da garantire pubblicazioni molto frequenti durante l’intera giornata.

Tuttavia, dichiara Google stesso, il funzionamento della pubblicazione accelerata può facilmente trasformarsi in un’opzione inefficiente: “con questo metodo il rischio è quello di aumentare i CPC a causa della forte concorrenza durante le prime ore del giorno, o spendere involontariamente la maggior parte del budget in fusi orari precedenti”.

Google ha quindi deciso di migliorare l’attuale funzionamento della pubblicazione standard: “l’opzione tiene conto del rendimento degli annunci pubblicati durante tutto il giorno così da riuscire a massimizzare il budget giornaliero imposto”.

Il nuovo obiettivo di Google è quello di ottimizzare il budget impiegato per impostare una ricerca mirata di utenti dello spazio pubblicitario (esempio: Ricerche degli utenti per il prodotto/servizio).

La società ritiene che gli algoritmi di apprendimento automatico siano ora meglio attrezzati per ottimizzare le campagne. Sarà quindi possibile migliorare la pubblicazione degli annunci in base agli obiettivi dell’inserzionista, anche con la pubblicazione standard.

image of giusetavera

Giuseppe Tavera

Giuseppe Tavera - Apprendista influencer. Vecchio sardo brontolone, mi occupo di sviluppo web e blogging per Nextre Engineering e il blog di...

N

Audience digitale in calo durante la Fase 2: ecco ...

Audience digitale in calo nella fase 2

Il boom di traffico Web registrato durante la fase del lockdown frena la crescita, riavvicinandosi alla normalità. L’arrivo della Fase 2 ha mutato nuovamente le abitudini degli italiani, chiusi in casa dal mese di marzo. Le audience digitali hanno infatti registrato una netta diminuzione. Il report Audiweb Week ha comunque evidenziato una crescita abbondante rispetto al periodo […]

Leggi la news >
N

Facebook: arriva “Venue”, la nuova app...

Venue app Facebook

Il team sperimentale NPE di Facebook ha recentemente lanciato la sua ottava app. Si chiama ‘Venue‘, è dedicata agli eventi live, ha lo scopo di aumentare il coinvolgimento delle visualizzazioni in tempo reale. Come spiegato da Facebook: “Le trasmissioni in diretta hanno un gran potenziale anche per i social, ancora poco sfruttato. La nuova app […]

Leggi la news >
N

Costruire una presenza online è la soluzione salv...

Settore digitale

Molte aziende vivono un periodo estremamente difficile; sperano di trovare nuove vie di uscita nelle soluzioni digitali. Ma è proprio così facile? Giorgio Soffiato, Amministratore Delegato di Marketing Arena, agenzia di marketing digitale, ha esposto il suo pensiero: “Il futuro prossimo nell’ambito digitale si prevede frizzante e pericoloso allo stesso tempo. Analizziamo per esempio una delle principali […]

Leggi la news >