N

Web

Modifiche Google Ads: stop alla “pubblicazione accelerata”

di Giuseppe Tavera

clock image2 minuti

Modifiche Google Ads: stop alla "pubblicazione accelerata"

Da ottobre la pubblicazione accelerata del budget di Google Ads verrà definitivamente disattivata per le campagne di ricerca, Shopping e quelle con budget condivisi. Le campagne che utilizzano la pubblicazione accelerata passeranno automaticamente a quella standard.

Le modifiche previste cominceranno il 17 settembre, dopodiché la pubblicazione standard diverrà l’unica opzione attiva per gli inserzionisti.

Il passaggio automatico avverrà entro il 1° ottobre. Ciò significa che tutte le campagne di ricerca, Shopping e quelle con budget condivisi passeranno automaticamente alla pubblicazione standard entro tale data.

L’opzione di pubblicazione accelerata resterà invece attiva per le campagne display e video, proprio come dichiara Google.

A cosa è dovuto tale cambiamento? In genere gli inserzionisti scelgono la pubblicazione accelerata quando l’obiettivo è generare il maggior numero possibile di conversioni, entro un determinato CPA target.

Si tratta di una strategia particolarmente diffusa tra gli e-commerce, solitamente disposti a spendere grosse cifre per raggiungere nuovi clienti.

In questo caso il budget giornaliero imposto è piuttosto alto, fissato in modo da garantire pubblicazioni molto frequenti durante l’intera giornata.

Tuttavia, dichiara Google stesso, il funzionamento della pubblicazione accelerata può facilmente trasformarsi in un’opzione inefficiente: “con questo metodo il rischio è quello di aumentare i CPC a causa della forte concorrenza durante le prime ore del giorno, o spendere involontariamente la maggior parte del budget in fusi orari precedenti”.

Google ha quindi deciso di migliorare l’attuale funzionamento della pubblicazione standard: “l’opzione tiene conto del rendimento degli annunci pubblicati durante tutto il giorno così da riuscire a massimizzare il budget giornaliero imposto”.

Il nuovo obiettivo di Google è quello di ottimizzare il budget impiegato per impostare una ricerca mirata di utenti dello spazio pubblicitario (esempio: Ricerche degli utenti per il prodotto/servizio).

La società ritiene che gli algoritmi di apprendimento automatico siano ora meglio attrezzati per ottimizzare le campagne. Sarà quindi possibile migliorare la pubblicazione degli annunci in base agli obiettivi dell’inserzionista, anche con la pubblicazione standard.

image of giusetavera

Giuseppe Tavera

Giuseppe Tavera - Apprendista influencer. Vecchio sardo brontolone, mi occupo di sviluppo web e blogging per Nextre Engineering e il blog di Mirko Cuneo. Scrivo da quando si spammava su MySpace.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >