YouTube ha sbagliato, ora Google rischia una multa da 200 milioni
N

Web

Google rischia una multa da 200 milioni per colpa di YouTube

di Sabrina Andreose

clock image2 minuti

Google: rischio di multa da 200 milioni per colpa di YouTube

Secondo voci piuttosto consistenti, YouTube avrebbe raccolto i dati dei minori connessi alla piattaforma senza il consenso dei genitori.

In seguito alla vicenda, Google vorrebbe patteggiare con le autorità americane intenzionate a punire severamente le violazioni della privacy dei minorenni.

Dopo la multa della Federal Trade Commission ai danni di Facebook (pari a 5 miliardi di dollari), il regolatore avrebbe proposto un patteggiamento di 200 milioni di dollari da parte di Google per YouTube.

La società si è resa disponibile a versare circa 150 milioni di dollari per sistemare il guaio sulle possibili violazioni ai danni dei bambini.

Voci di corridoio notificano tre voti favorevoli e due contrari al patteggiamento da parte della Federal Trade Commission.

Si attende la decisione definitiva del Dipartimento di Giustizia per la revisione finale. Il New York Times rivela che tale accordo verrà annunciato a settembre.

In caso di approvazione del patteggiamento da parte del ministero della Giustizia, avremo a che fare con il più grande scandalo relativo alla privacy dei bambini mai vissuto fino ad ora.

L’accusa verso YouTube è stata mossa dai gruppi a tutela della privacy dei minori, che puntano il dito contro la piattaforma per aver mancato di rispetto alle regole della Children’s Online Privacy Protection Act.

L’associazione vieta infatti la raccolta online dei dati personali dei minori sotto i 13 anni, senza il consenso dei genitori.

L’idea del patteggiamento è stata accolta negativamente dalle associazioni denuncianti, che reputano inadeguata la cifra pattuita.

Il patteggiamento verrà probabilmente annunciato a settembre; nel frattempo l’indagine coinvolgerà molte altre app, soprattutto quelle riguardanti i videogames, che in America contano milioni di utenti minorenni.

L’associazione Campaign for a Commercial-Free Childhood giudica la cifra di 200 milioni di dollari decisamente bassa rispetto al fatturato globale di YouTube.

Jeff Chester del Center for Digital Democrary aggiunge: “Dovremmo punire l’atto irresponsabile con un miliardo di dollari. In questo modo il messaggio verrebbe correttamente recepito. Non è giusto infrangere la legge senza pagare le conseguenze in modo adeguato”.

image of sabriandre

Sabrina Andreose

Sabrina Andreose - Appassionata di musica d’autore, videogiochi, scrittura e sartoria. Amo tutto ciò che è arte: creare e dare forma alle mie idee. Viaggio per conoscere, per innamorarmi sempre della vita.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Migliorare l’esperienza con il proprio e-com...

esperienza e-commerce imprese

Il distanziamento sociale e lo smart working hanno cambiato le abitudini delle persone, che adesso preferiscono effettuare acquisti online o su e-commerce, senza muovere un passo da casa. Aumentando, quindi, le vendite online, le imprese devono pensare a strategie di marketing in grado di sostenere questa crescita. Come è possibile farlo? Innanzitutto costruendo un rapporto […]

Leggi la news >
N

Cosa aspettarsi da brand e imprese durante le vaca...

Brand Imprese Vacanze

Il settore delle vendite è sotto pressione – e non è solo un problema italiano. In tutto il mondo, il retail si sta preparando ad affrontare una grande sfida, quella delle festività natalizie. I consumatori sono scoraggiati all’idea di effettuare acquisti in-store e si stanno già preparando a farlo online e i rivenditori, dal canto […]

Leggi la news >
N

Costruire un’impresa da zero è possibile: b...

Costruire Impresa

Costruire un business da zero può sembrare un’impresa titanica. La verità, però, è che con gli strumenti giusti è possibile avviare una nuova attività senza troppe difficoltà. Non ci sono tanti imprenditori appassionati di tecnologia, forse non lo sono neppure quelli che avviano attività a sfondo tecnologico. Quello che li smuove maggiormente è la possibilità […]

Leggi la news >