N

News

Migliaia di gruppi WhatsApp sono apparsi pubblicamente su Google Search

di Giuseppe Tavera

clock image2 minuti

Whatsapp privacy gruppi

Pochi giorni fa è scattato l’allarme: migliaia di gruppi privati WhatsApp sono apparsi pubblicamente su Google Search.

Come ben sappiamo, ogni domanda trova risposta sul motore Web più famoso del mondo. Non esiste nulla a cui Google non possa rispondere. Certo, non ci aspettavamo nulla di simile!

Questa grande capacità è infatti risultata dannosa per gli utenti WhatsApp, la popolare app di messaggistica istantanea.

Cos’è successo? Alcuni giorni fa Google ha indicizzato i link degli inviti ai gruppi privati WhatsApp. In parole semplici, chiunque poteva unirsi e scovare gruppi semplicemente effettuando una ricerca su Google.

La società ha confermato la notizia, rimediando all’istante. Alcuni utenti hanno effettuato la ricerca per scrupolo.

I risultati apparsi erano piuttosto sconcertanti. Alcuni gruppi mostravano addirittura nomi e numeri di telefono di tutti i partecipanti presenti nei gruppi.

L’ingegnere Jane Wong del team di WhatsApp ha dichiarato: “Qualsiasi contenuto condiviso può essere indicizzato, compresi i canali di chat pubblici e i link di invito. Ecco perché altri utenti hanno individuato i gruppi sul Web“.

Gli esperti del settore hanno subito messo in guardia gli utenti, dichiarando i gruppi WhatsApp un luogo tutt’altro che sicuro.

Google ha posto subito rimedio all’accaduto. La società ha inoltre affermato che i link pubblici apparsi nel motore di ricerca non sono stati inseriti da Google stesso, bensì da altre fonti di diffusione.

Per questa volta, pericolo scampato.

image of giusetavera

Giuseppe Tavera

Giuseppe Tavera - Apprendista influencer. Vecchio sardo brontolone, mi occupo di sviluppo web e blogging per Nextre Engineering e il blog di Mirko Cuneo. Scrivo da quando si spammava su MySpace.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Nel 2020 abbiamo scaricato 200 miliardi di applica...

Aumento dello scaricamento delle applicazioni

Secondo App Annie State of Mobile Report 2021, nel 2020 sono state scaricate circa 200 miliardi di applicazioni sui dispositivi mobili, sia da App Store che da Google Play. Praticamente circa il 7% in più rispetto all’anno precedente. Si tratta di un traguardo senza precedenti che non ha alcuna intenzione di arrestarsi e che, anzi, […]

Leggi la news >
N

Cosa possono fare le imprese per riprendersi dalla...

Le imprese si riprendono dalla crisi

Il 2020 è stato un anno impegnativo, sia dal punto di vista sociale che economico. Moltissime imprese si sono ritrovate a dover ricominciare daccapo e rivedere le proprie priorità. Le sfide messe in atto sono state tantissime e altrettante ce ne saranno nei mesi a venire. Le imprese devono prepararsi ad affrontare i problemi nel […]

Leggi la news >
N

LinkedIn introduce nuovi strumenti di controllo de...

controllo delle pubblicazioni su LinkedIn

LinkedIn ha aggiunto di recente alcune funzionalità che consentono di controllare meglio i post pubblicati. Si tratta di strumenti di pubblicazione che consentono di restringere il campo di visualizzazione dei post a un determinato pubblico. In questo modo, sarà possibile anche su LinkedIn decidere chi può vedere ed eventualmente commentare un tuo post o un […]

Leggi la news >