N

Web

Secondo IBM, le imprese non riconoscono i veri bisogni dell’IT

di Mirko Cuneo

clock image3 minuti

Nonostante l’emergenza sanitaria del COVID-19 abbia messo le imprese di fronte a scelte drastiche sul fronte digitale, una ricerca di IBM dimostra che non siamo ancora pronti per andare incontro alle reali esigenze dei reparti IT.

Sembra che per il 60% dei responsabili IT le loro aziende non sono pronte ad accogliere il futuro della digital transformation fino in fondo. Circa il 24% dei CIO e CTO ha appena cominciato l’irrobustimento delle infrastrutture digitali e circa un terzo degli intervistati ha affermato di essere ancora nel pieno della trasformazione. La strada, quindi, sembra ancora lunga da percorrere e il futuro sarà ancora piuttosto incerto.

Il settore IT deve sviluppare strategie in cloud

Secondo gli studi condotti da IBM, più del 95% degli intervistati ha intenzione di affidarsi a strategie che coinvolgano il cloud nel loro processo. Le imprese hanno bisogno di accelerare il processo di modernizzazione del reparto IT, sviluppando dove possibile tecnologie che coinvolgano intelligenza artificiale, lettura dei dati e cloud, appunto.

Il mondo digitale sta cambiando radicalmente ed è importante assecondare questo cambiamento, altrimenti il rischio è quello di rimanere indietro, troppo indietro, per poter sostenere la crisi economica e sociale che ci aspetta.

Il dato più interessante, però, riguarda la formazione dei gruppi di lavoro dei reparti IT: secondo gli intervistati, infatti, ci sarebbe proprio un problema strutturale da risolvere ed è importante farlo al più presto. I reparti IT devono avere al loro interno professionisti del settore, competenti e versatili, in grado di anticipare le tendenze e prevenire le crisi più importanti.

Serve una flessibilità anche nelle infrastrutture e una guida strutturata che porti le imprese verso una reale trasformazione digitale. Le imprese devono diventare competitive nel loro mercato di riferimento, devono imparare a investire e risparmiare dove necessario, migliorare e aumentare la globalizzazione e incontrare, dove e quando possibile, i bisogni e le richieste dei clienti.

Le imprese degli Stati Uniti sono avanti rispetto alla Gran Bretagna

E mentre la maggioranza dei CIO e CTO sostiene che i reparti IT delle loro aziende non sono ancora pronte per affrontare il futuro, lo studio di IBM rivela che ci siano sostanziali differenze tra gli USA e la Gran Bretagna. Se, infatti, circa il 56% degli intervistati americani ha affermato di voler avviare un processo “aggressivo” di migrazione verso una strategia cloud ibrida, solo il 38% degli intervistati inglesi ha intenzione di prendere provvedimenti radicali a riguardo. E se il 56% degli intervistati americani sostiene che le proprie infrastrutture IT siano pronte al cambiamento, per gli inglesi solo 23% ha le carte in regola per farlo. L’Europa, forse, è ancora troppo indietro rispetto agli Stati Uniti. E l’emergenza sanitaria del COVID-19 ha solo scoperto, finalmente, le carte per tutti.

image of Mirko Cuneo

Mirko Cuneo

Aiuto aziende e professionisti a potenziare il proprio business, in modo che possano aumentare i propri guadagni, clienti e la rispettabilità del proprio brand.

Ti serve aiuto? Clicca QUI

Nessun commento

Commenta

N

La grammatica del nuovo mondo nel libro di Filippo...

50 parole chiave ordinate alfabeticamente a partire da 50 racconti di cronaca: premessa-testamento del filosofo Salvatore Veca, scomparso il 7 ottobre 2021. Radicale come la prima, la seconda, la terza e la quarta rivoluzione industriale. È la rivoluzione universale del covid, quella che ha cambiato per sempre la nostra vita. Non solo, dunque, una tragica […]

Leggi la news >
N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >