Cosa possono fare le imprese per riprendersi dalla crisi?

di Domiziana Desantis

clock image2 minuti

Le imprese si riprendono dalla crisi

Il 2020 è stato un anno impegnativo, sia dal punto di vista sociale che economico. Moltissime imprese si sono ritrovate a dover ricominciare daccapo e rivedere le proprie priorità. Le sfide messe in atto sono state tantissime e altrettante ce ne saranno nei mesi a venire. Le imprese devono prepararsi ad affrontare i problemi nel modo giusto, a risollevare il proprio brand in difficoltà, a salvarsi se è necessario correre ai ripari. Come si fa, quindi, a portare al successo la propria azienda nel 2021? Secondo Harbinson Mulholland, azienda inglese specializzata nella consulenza aziendale, è possibile superare la crisi con una giusta pianificazione.

Per superare la crisi, le aziende devono imparare a informarsi

Nel corso del 2020, moltissime aziende si sono ritrovate a dover chiudere i battenti per via della crisi provocata dall’emergenza sanitaria. Se nessuno può uscire di casa per cenare fuori, i ristoranti non possono restare aperti. Se le persone non possono più permettersi di acquistare nei centri commerciali, i negozi non hanno motivo di rimanere aperti. È inevitabile, quindi, che si registri una crisi economica importante, fatta anche di incertezze non solo economiche ma proprio sulle condizioni reali del proprio mestiere.

Per sopravvivere a una crisi, però, un’impresa ha bisogno di informarsi nel modo giusto, di avere chiare tutte le sue opzioni, di valutare ogni scenario possibile e soprattutto di pianificare, quanto possibile, un piano economico e di business per il futuro. Se hai le giuste informazioni, d’altronde, puoi prendere decisioni migliori e certamente più lungimiranti.

Proattività: le aziende devono rivedere le loro modalità lavorative

Secondo il team di Harbinson Mulholland la parola chiave è proattività. Reagire a una crisi e fisiologico, ma proagire è vitale, salvifico. Rispondere a una crisi con una reazione contraria e opposta è quello che serve alle imprese per risollevarsi e sopravvivere.

Un aspetto interessante potrebbe essere quello che riguarda la dimensione della forza lavoro: bisogna guardare ai propri dipendenti in modo diverso dal passato, accogliere i loro bisogni e le loro esigenze e favorire, dove possibile, lo smart working.

In generale, comunque, il problema principale riguarda la disponibilità economica delle aziende in questo periodo. Quello che gli imprenditori dovrebbero fare, quindi, è fare un calcolo realistico e stimato di entrate e uscite e cercare di fare previsioni a raggio più ristretto, cercando di vivere come possibile nell’immediato, senza guardare a una pianificazione troppo in là nel tempo.

Organizzarsi è fondamentale, ma non si può prevedere un futuro così incerto.

image of Domiziana Desantis

Domiziana Desantis

Il potere delle parole mi ha sempre affascinata, tanto che ho fatto della comunicazione la mia professione. Lavoro come Web Content Creator & Editor in Nextre Digital, web Agency di Milano, e scrivo contenuti per il blog di Mirko Cuneo.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >