Instagram e Luxury Brand: le nuove regole della fashion industry

di Domiziana Desantis

clock image2 minuti

Tech addicted su Instagram vince il lusso

Instagram e luxury brand vanno ormai a braccetto. Grandi marchi come Gucci, Louis Vuitton e Christian Dior si battono a colpi di social media, reclutando giovani acquirenti.

Grazie alla facilità d’uso di Instagram, anche le piccole etichette di moda hanno trovato il proprio posto nel mercato, senza bisogno di investire capitali ingenti per le pubblicità sulle riviste.

Le regole stanno però cambiando: i grandi della fashion industry spendono ormai quantità di soldi esagerate per sbaragliare i rivali sui social.

Mentre l’uso di blogger e influencer diventa mainstream, le tariffe per post sponsorizzati da utenti con 4 milioni di follower raggiungono oltre 20.000 euro.

Secondo i tracker di Tribe Dynamics, Gucci avrebbe per esempio raggiunto il più alto impatto sui social media nel 2018, arrivando a spendere più della metà rispetto a 3 anni fa.

La pubblicità sta cambiando, proprio come afferma il digital manager di Kering, Gregory Boutte: il pubblico delle piattaforme digitali non si accontenta più di slogan, sono necessari video e immagini originali.

La spesa marketing di LVMH è aumentata di ben 5,6 miliardi di euro in 7 anni, raggiungendo il 12% dei ricavi del gruppo.

Louis Vuitton, il principale driver di vendita di LVMH, assegna attualmente metà dei costi di marketing ai media digitali, secondo quanto riferito dall’amministratore delegato Michael Burke.

Vuitton, così come Christian Dior, Marc Jacobs e Givenchy di LVMH, sono tra i 10 migliori brand di Tribe Dynamics, affiancati da Saint Laurent e Balenciaga di Kering.

In Italia il primo a classificarsi nella lista di Engagement Labs è Valentino, con un’efficace strategia di social media.

La sua formula è semplice: mescolare i contenuti generati dai fan con le foto professionali, rispondendo ai commenti online.

Con questa strategia i follower di Valentino sono raddoppiati, portando a un aumento significativo delle vendite.

Con l’aumento degli investimenti digitali, le etichette di lusso di medie dimensioni si trovano ora in una posizione sempre più scomoda, mentre annaspano per restare visibili.

 

 

image of Domiziana Desantis

Domiziana Desantis

Il potere delle parole mi ha sempre affascinata, tanto che ho fatto della comunicazione la mia professione. Lavoro come Web Content Creator & Editor in Nextre Digital, web Agency di Milano, e scrivo contenuti per il blog di Mirko Cuneo.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Le competenze digitali che serviranno ai direttori...

Competenze digitali dei direttori finanziari

Secondo Gartner, i direttori finanziari dovranno sviluppare una serie di competenze digitali nei mesi a venire, se vogliono trarre vantaggio economico dagli investimenti fatti in ambito digitale fino a oggi. Il capo delle ricerche di ambito finanziario di Gartner, Alexander Bant, è convinto che i CFO (cioè i direttori finanziari) si stanno spingendo sempre di […]

Leggi la news >
N

Imparare a gestire le spese per migliorare la prop...

Migliorare i costi dell'impresa

Nel 2020 abbiamo assistito a una profonda trasformazione, sia dal punto di vista economico che sociale. Sono diminuiti gli spostamenti, le persone hanno cominciato a vivere maggiormente all’interno delle proprie mura domestiche, le imprese hanno migliorato la propria presenza online. Nonostante questo, però, è ancora molto difficile per molti brand aumentare le vendite online dei […]

Leggi la news >
N

Google Cloud lancia una suite dedicata ai rivendit...

nuova suite di Google Cloud

Nelle scorse ore, Google Cloud ha annunciato il lancio di una suite dedicata ai rivenditori, per aiutarli a rafforzare l’e-commerce e a migliorare la customer experience. La suite, chiamata Product Discovery Solutions for Retail, consentirà ai rivenditori di risolvere problematiche correlate al proprio e-commerce, sfruttando gli algoritmi dell’Intelligenza Artificiale unitamente all’infrastruttura scalabile di Google Cloud. […]

Leggi la news >