Instagram e Luxury Brand: le nuove regole della fashion industry

di Domiziana Desantis

clock image2 minuti

Instagram e luxury brand vanno ormai a braccetto. Grandi marchi come Gucci, Louis Vuitton e Christian Dior si battono a colpi di social media, reclutando giovani acquirenti.

Grazie alla facilità d’uso di Instagram, anche le piccole etichette di moda hanno trovato il proprio posto nel mercato, senza bisogno di investire capitali ingenti per le pubblicità sulle riviste.

Le regole stanno però cambiando: i grandi della fashion industry spendono ormai quantità di soldi esagerate per sbaragliare i rivali sui social.

Mentre l’uso di blogger e influencer diventa mainstream, le tariffe per post sponsorizzati da utenti con 4 milioni di follower raggiungono oltre 20.000 euro.

Secondo i tracker di Tribe Dynamics, Gucci avrebbe per esempio raggiunto il più alto impatto sui social media nel 2018, arrivando a spendere più della metà rispetto a 3 anni fa.

La pubblicità sta cambiando, proprio come afferma il digital manager di Kering, Gregory Boutte: il pubblico delle piattaforme digitali non si accontenta più di slogan, sono necessari video e immagini originali.

La spesa marketing di LVMH è aumentata di ben 5,6 miliardi di euro in 7 anni, raggiungendo il 12% dei ricavi del gruppo.

Louis Vuitton, il principale driver di vendita di LVMH, assegna attualmente metà dei costi di marketing ai media digitali, secondo quanto riferito dall’amministratore delegato Michael Burke.

Vuitton, così come Christian Dior, Marc Jacobs e Givenchy di LVMH, sono tra i 10 migliori brand di Tribe Dynamics, affiancati da Saint Laurent e Balenciaga di Kering.

In Italia il primo a classificarsi nella lista di Engagement Labs è Valentino, con un’efficace strategia di social media.

La sua formula è semplice: mescolare i contenuti generati dai fan con le foto professionali, rispondendo ai commenti online.

Con questa strategia i follower di Valentino sono raddoppiati, portando a un aumento significativo delle vendite.

Con l’aumento degli investimenti digitali, le etichette di lusso di medie dimensioni si trovano ora in una posizione sempre più scomoda, mentre annaspano per restare visibili.

 

 

image of Domiziana Desantis

Domiziana Desantis

Il potere delle parole mi ha sempre affascinata, tanto che ho fatto della comunicazione la mia professione. Lavoro come Web Content Creator & Editor in Nextre Digital, web Agency di Milano, e scrivo contenuti per il blog di Mirko Cuneo.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

La grammatica del nuovo mondo nel libro di Filippo...

50 parole chiave ordinate alfabeticamente a partire da 50 racconti di cronaca: premessa-testamento del filosofo Salvatore Veca, scomparso il 7 ottobre 2021. Radicale come la prima, la seconda, la terza e la quarta rivoluzione industriale. È la rivoluzione universale del covid, quella che ha cambiato per sempre la nostra vita. Non solo, dunque, una tragica […]

Leggi la news >
N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >