Instagram e Privacy: per visualizzare i profili pubblici bisognerà registrarsi

Instagram: per visualizzare i profili pubblici sarà necessario registrarsi

di Patrizia Motta

clock image2 minuti

Instagram: per visualizzare i profili pubblici sarà necessario registrarsi

Sei abituato a navigare su Instagram visualizzando i profili pubblici di brand e persone senza effettuare l’accesso? Beh allora stai per ricevere una brutta notizia.

Il social network ha infatti introdotto una recente modifica sulla piattaforma, che impedisce agli utenti disconnessi di poter accedere ai profili, compresi quelli pubblici.

Ciò significa che per visualizzare qualsiasi pagina sul social network, dovrai necessariamente registrarti o accedere alla piattaforma.

Chi preferisce navigare in modo anonimo dovrà rassegnarsi, non c’è modo di aggirare la novità.

Abbiamo deciso di introdurre il cambiamento per rendere più chiaro il messaggio di Instagram, migliorando l’esperienza ed entrando a far parte della community. Connettersi e interagire con le persone e con le cose che ami è lo scopo primario della nostra mission” – dichiara la società ad Adweek.

La recente modifica segna la continua evoluzione di Instagram, da quando i co-fondatori Kevin Systrom e Mike Krieger hanno affidato la piattaforma a Facebook, lo scorso settembre.

Ma cosa succederà ora che Instagram ha deciso di mantenere i contenuti “dietro” le barriere di accesso?

Strategie come questa potrebbero spingere più persone a iscriversi al servizio, in caso non lo avessero già fatto.

Instagram (piattaforma di social media, proprietà di Facebook) conta oltre un miliardo di utenti attivi al mese: è rapidamente divenuta un’importante fonte di entrate per il gigante della tecnologia di Menlo Park.

Non sorprende pertanto che la società stia cercando nuove tattiche per invogliare le persone a raggiungere la comunità di Instagram.

 

image of Patrizia Motta

Patrizia Motta

Patrizia Motta - Ho una passione per la scrittura e nel tempo libero pratico la danza del ventre.

N

Google sotto accusa per concorrenza spietata verso...

Google fa concorrenza spietata ai competitors

Il governo degli Stati Uniti denuncia la divisione Google incentrata sulle ricerche online. L’accusa è di aver attuato una concorrenza spietata verso i competitors per aumentare e proteggere il suo monopolio. Dopo 14 mesi di investigazioni, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta valutando se Google ha virato le ricerche degli utenti verso i […]

Leggi la news >
N

Secondo le previsioni, il 2021 sarà l’anno ...

Previsioni del Content Marketing

Il mondo del marketing e della comunicazione online ha subito un arresto preoccupante, nel 2020. Colpa della pandemia, senza dubbio, perché ha limitato gli investimenti sotto ogni fronte, anche quello commerciale e pubblicitario. Il Content Marketing ha avuto una vita difficile, in questi mesi. Secondo alcune previsioni fatte da PQ Media, azienda leader nel campo […]

Leggi la news >