Secondo Istat, l’Italia è in piena deflazione

di Alessandro Aru

clock image3 minuti

l'Italia è in deflazione

Se lo chiedessimo agli italiani, ci parlerebbero di inflazione. Eppure i dati parlano chiaro: nel mese di Luglio 2020 si è registrato un calo dei prezzi dello 0.4% rispetto a Luglio 2019 e dello 0.2% rispetto a Giugno 2020. Si tratta, quindi, di una vera e propria deflazione, che sta proseguendo di mese in mese. Come è possibile, quindi, che gli italiani sentono di spendere molto di più rispetto all’inizio dell’anno, quando la pandemia era ancora un film di fantascienza?

L’andamento economico italiano oggi

Nei giorni scorsi, Istat ha diffuso i dati relativi alla flessione economica nazionale. Si registra, come anticipato, un calo dello 0.4% rispetto a Luglio 2019 e dello 0.2% rispetto a Giugno 2020.

La ragione di questo calo è probabilmente dovuta all’andamento dei prezzi dei Beni energetici.

Stando al comunicato diramato da Istat:

L’ampliamento della flessione si deve sia al rallentamento dei prezzi dei Beni alimentari (da +2,3% a +1,3%), causato da entrambe le componenti (gli Alimentari non lavorati, da +4,1% a +2,5%, gli Alimentari lavorati da +1,2% a +0,6%), sia all’ampliarsi della flessione dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (da -0,1% a -0,9%).

Il “carrello della spesa”, il paniere che include anche i Beni alimentari e personali, è in crollo: si registra infatti un +1.2% a Luglio, rispetto al 2.1% di Giugno. I prodotti ad alta frequenza di acquisto, anche loro, subiscono un forte arresto, passando da +0.1% a -0.1%.

Inflazione o deflazione? La ragione dietro la dispercezione

I prezzi, quindi, sono in calo. E l’inflazione di cui gli italiani parlano è in realtà una deflazione. A cosa è dovuta questa (dis)percezione? La verità sta sempre nel mezzo e se da un lato si è registrata una deflazione generale, nel cosiddetto carrello della spesa i costi dei beni di prima necessità sono balzati alle stelle. Ma è solo un impressione, se si guarda il quadro generale. Il cosiddetto “Effetto Covid” ha spostato semplicemente l’attenzione degli italiani da un quadro più ampio a uno più ristretto, focalizzando l’attenzione unicamente su ciò che acquistavano (e acquistano tuttora) direttamente al supermercato. La percezione che i prezzi siano saliti, dunque, è solo parziale, perché i beni di prima necessità contribuiscono solo in minima parte al computo generale della flessione economica nazionale.

La benzina è in calo – ma la spesa no

A cosa è dovuto, quindi, il calo? Prima di tutto alla benzina – ed è sempre da lì che si parte quando si deve valutare una flessione economica, dal petrolio – che prima del lockdown costava in media 1.586 euro/litro (benzina verde). Nel mese di Maggio, invece, è scesa a 1.365 euro/litro. Il calo registrato, quindi, è del 14% circa, con un lieve rialzo (praticamente irrilevante) nei mesi di giugno e luglio. È chiaro, quindi, che il calo è stato percepito di meno per una ragione molto semplice: il lockdown ha limitato i nostri spostamenti – e trasformato le nostre percezioni. Non solo in ambito economico.

image of alessandroaru

Alessandro Aru

Ciao a tutti, mi chiamo Alessandro Aru e collaboro con Mirko da 3 anni. In questo tempo mi sono lasciato coinvolgere dal suo carisma e voglia di fare. Sono onorato di aiutarlo a gestire questo progetto di blogging.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Costruire un rapporto duraturo con i clienti duran...

Rapporto tra imprese e clienti

Il 2020 è stato l’anno della trasformazione e del cambiamento, per moltissime imprese in giro per il mondo. Secondo uno studio condotto da Kantar chiamato ‘Covid-19: What do consumers expect from brands’ il 60% dei consumatori avvertono l’esigenza di diventare più proattivi per tutto ciò che concerne pianificazione e sicurezza nel loro imminente futuro. Non […]

Leggi la news >
N

Aumenta del 23% la pubblicità digitale delle azie...

pubblicità digitale cina

Secondo il report China Media Inflation Trends del 2021, i ricavi sulla comunicazione digitale delle aziende cinesi sono aumentati del 23% durante tutto il 2020, probabilmente merito o causa dell’emergenza sanitaria del COVID-19. Secondo le stime prevista, questa percentuale continuerà a crescere anche nel 2021 e probabilmente aumenterà anche negli anni a venire. I grandi […]

Leggi la news >
N

I consumatori preferiscono contattare le imprese v...

I consumatori contattano le imprese via chat

L’e-commerce è il commercio del futuro. Lo è già da diversi anni, a dire il vero, ma l’emergenza sanitaria ha spinto tantissime persone all’interno delle proprie case, portandole ad acquistare sempre di più online, anche beni di prima necessità. La parola chiave del 2020 è stata trasformazione, sia digitale che strutturale delle imprese, che non […]

Leggi la news >