Lavorare a distanza è possibile grazie a una buona continuità aziendale

di Luna Saracino

clock image2 minuti

Lavorare a distanza con la continuità aziendale

Il 2020 è stato, per moltissime imprese italiane, l’anno della scoperta dello smart working. Prima del COVID-19, già tantissime imprese permettevano ai propri dipendenti di lavorare a distanza: con l’emergenza sanitaria, però, quest’opportunità è diventata un’esigenza imprescindibile, che ha spinto gli imprenditori a rivedere diversi punti della propria forza lavoro.

Il lavoro a distanza, però, ha diversi pro ma anche diversi contro, sia dal punto di vista psicologico che da quello lavorativo ed è importante avere a mente i punti di forza e i punti deboli per poter agire facilmente su di essi e riprogrammare il proprio lavoro di conseguenza.

La pandemia globale ha messo alla prova numerose aziende, così come la cosiddetta “business continuity”, la continuità aziendale che consente alle imprese di lavorare seguendo uno schema rigido e condiviso, in grado di migliorare le prestazioni lavorative anziché affossarle.

I pro e i contro del lavoro a distanza

Il lavoro da remoto, soprattutto se effettuato all’interno delle proprie mura domestiche, da un lato è comodo perché più facilmente gestibile, anche in termini di tempo; dall’altro lato, però, è un’arma a doppio taglio, che finisce per agire negativamente sul nostro stato d’animo. Un workflow che tenga in conto di questo, quindi, è fondamentale e va tenuto in conto soprattutto dall’azienda che deve progettare una business continuity adeguata alle rinnovate esigenze dei propri dipendenti.

La soluzione ideale è prevedere e includere nel proprio piano una modalità lavorativa che sia flessibile, autonoma, agile. Il mondo del lavoro sta cambiando anche perché cominciano a cambiare le esigenze dei dipendenti, sia dal punto di vista pratico che da quello più intimo, più personale.

Flessibile, poi, vuol dire anche adattabile: i dipendenti devono imparare ad adattarsi a nuove modalità lavorative, ma allo stesso tempo anche i dirigenti devono imparare ad avere una mentalità più aperta e di conseguenza più inclusiva.

Il ruolo della digitalizzazione nella flessibilità lavorativa a distanza

In questa flessibilità, la digitalizzazione può essere una buona soluzione, per migliorare la continuità di un’azienda: digitalizzando i documenti, le informazioni, il workflow aziendale, è possibile condividerlo con tutti in tempi piuttosto brevi e di conseguenza anche automatizzare determinati meccanismi.

Abbracciare una trasformazione digitale in azienda, quindi, vuol dire finalmente aprire le porte al futuro del lavoro: un lavoro più agile, più flessibile, più gestibile e di conseguenza più inclusivo.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >