Mirko Cuneo

Leadership & Motivazione

Essere il leader del tuo gruppo: tutti i passi da affrontare

17 febbraio 2018
Essere il leader

Ogni team ha bisogno di qualcuno che lo guidi, e tu vorresti essere il leader del tuo gruppo, magari allo scopo di portare le persone che lavorano per te, o con te, ad un nuovo livello.

Essere un leader non è semplice, ma neppure impossibile. Per riuscire nella tua impresa, infatti, dovrai cercare di lasciare indietro la tua insicurezza e di seguire la strada giusta.

In questo modo riuscirai a rendere tutti partecipi del tuo progetto. Vediamo, quindi, come diventare un vero e proprio leader passo per passo.

Condividere la tua visione per essere il leader

Uno degli elementi più importanti di un capogruppo è costituito certamente dalla sua “visione”, cioè quelli che sono i tuoi obiettivi, ma anche le modalità con le quali pensi di poterli raggiungere.

I tuoi collaboratori dovranno condividere con te la visione prospettata, quindi, dovrai iniziare proprio a spiegare loro quali siano i motivi che ti abbiano spinto a svolgere un determinato lavoro o una strada in particolare.

D’altronde, prova a pensare a quelli che sono i tuoi modelli: condividerai sicuramente qualcosa con il loro modo di pensare! Questo sarà anche per te un elemento essenziale, il primo da cui partire per essere il leader del tuo team.

Coinvolgere gli altri per essere il leader

Un leader è certamente una persona che guida gli altri, ma proprio per questo non può lavorare da sola: avrai bisogno dei tuoi dipendenti e collaboratori!

Per questo motivo, dovrai coinvolgere le altre persone nel modo giusto, così che queste possano iniziare a proseguire lungo la strada da te tracciata.

Per farlo dovrai:

  • Individuare il ruolo di ogni dipendente o collaboratore in modo preciso;
  • Indicare ad ogni persona quale sia questo ruolo;
  • Sottolineare l’importanza di ogni collaboratore nel disegno globale della tua attività;
  • Controllare che tutti coloro che lavorino con te abbiano compreso cosa dovranno fare e come dovranno collaborare al raggiungimento degli obiettivi che avrà tracciato;

In questo modo avrai creato un gruppo in grado di lavorare e anche di dare il proprio contributo nel modo giusto.

Essere il leader

Partecipare attivamente per essere il leader

Essere il leader di un team non significa dormire sugli allori, facendo fare tutto il lavoro agli altri soggetti. Invece, dovrai metterti anche tu alla prova, e dovrai rimboccarti le maniche.

Per diventare un esempio per gli altri, infatti, dovrai essere tu stesso impegnato verso l’obiettivo comune. Quindi, dimostra di tenere in modo particolare al vostro lavoro di gruppo, in modo da far sentire importanti anche tutti coloro che collaborano con te.

Siedi insieme al tuo team, e non porti, invece, in una posizione di superiorità: questo sarebbe un grande errore e ti porterebbe, in poco tempo, a perdere la fiducia di chi faccia parte del tuo gruppo.

Riconosci i successi per essere il leader

Per diventare un vero capogruppo dovrai anche essere capace di riconoscere i successi, indipendentemente da chi li abbia compiuti e raggiunti.

Dovrai motivare tutti coloro che staranno lavorando al tuo progetto ogni giorno, anche “brindando” a tutto ciò che essi saranno stati in grado di realizzare con il loro impegno quotidiano.

I veri leader, infatti, non si crogiolano nei propri successi, ma cercano sempre di sottolineare l’apporto anche delle altre persone per il raggiungimento dell’obiettivo stesso.

In questo modo tutto il gruppo si sentirà adeguatamente coinvolto e anche supportato nello svolgimento dei suoi compiti.

 leader del tuo gruppo

Superare gli errori per essere il leader

Nessuna procedura sarà priva di errori e di battute d’arresto, soprattutto nel momento in cui vorrete raggiungere un obiettivo. Per essere il leader di un gruppo non dovrete limitarvi solamente a quelli che potranno essere i momenti positivi, ma dovrete anche cercare di supportare gli altri in quelli negativi.

Anzi, dovrete continuare a spronare i membri del vostro gruppo affinché questi continuino a voler correre i rischi necessari al fine di ottenere ciò che costituisce l’obiettivo finale.

Cercate, quindi, di imparare dagli errori, ma tutti insieme, dando il giusto peso a ciò che sarà successo e senza drammatizzare: l’errore stesso sarà un passo ulteriore verso quella che sarà la risoluzione del problema nel futuro.

In conclusione

Per essere il leader di un gruppo, quindi, serviranno determinate caratteristiche. In particolare, sarà necessario essere sicuri, ma anche indulgenti e collaborativi rispetto alle persone che lavoreranno con voi.

Questo non significherà passare sopra ad ogni tipo di comportamento, ma semplicemente interpretare ogni azione in modo oggettivo.

In questo modo chi lavorerà con voi, o per voi, potrà vedervi come un vero e proprio capogruppo, e seguirvi nel vostro piano.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

WhatsApp chat