N

Social

LinkedIn: lotta ai profili falsi, alla violenza e allo sfruttamento dei minori

di Giuseppe Tavera

clock image2 minuti

LinkedIn: lotta ai profili falsi, alla violenza e allo sfruttamento dei minori

LinkedIn, il più noto social network per la ricerca del lavoro, si sta impegnando duramente per combattere account falsi, contenuti violenti e persino sfruttamento di minori.

Per la prima volta il popolare sito professionale per il recruitment, affronta gli stessi problemi che affliggono altre piattaforme di social media.

LinkedIn ha eliminato oltre 21 milioni di account falsi nella prima metà dell’anno, rimuovendo oltre 60 milioni di spamming, inclusi post di lavoro fasulli.

Ha segnalato 16.000 casi di molestie, 11.000 post con contenuti osceni o pornografici, 2.000 post con  violenza o terrorismo e 22 episodi di sfruttamento di minori.

Sfortunatamente alcune persone usano la tecnologia in modo deplorevole” – dichiara il consulente generale di LinkedIn Blake Lawit. “Dobbiamo essere sempre vigili per proteggere costantemente i nostri utenti“.

I contenuti dannosi online stanno invadendo qualsiasi territorio, anche i siti apparentemente lontani da tutto ciò che è commerciale, proprio come LinkedIn.

Le più importanti società di social network stanno compiendo numerosi sforzi per combattere la violenza, le molestie e gli altri contenuti pericolosi.

Ogni azienda adotta le proprie politiche interne: Facebook, per esempio, monitora e punisce alcune categorie che LinkedIn non comprende, come le droghe, la vendita di armi da fuoco o i casi di autolesionismo.

Twitter e Google trattano categorie più ampie, come i casi di interferenza elettorale e i contenuti che infrangono la legge europea sulla privacy.

LinkedIn ha deciso di rendere pubblici i numeri riguardanti la moderazione dei contenuti, pur non avendo subito la stessa pressione pubblica e mediatica di Facebook. La società vuole garantire trasparenza, rendendo partecipi gli utenti riguardo ciò che accade all’interno della piattaforma.

Abbiamo una grande responsabilità, è nostro dovere fornire maggiore trasparenza, è il minimo che possiamo fare per chi ogni giorno ci dona fiducia” – aggiunge Lawit.

image of giusetavera

Giuseppe Tavera

Giuseppe Tavera - Apprendista influencer. Vecchio sardo brontolone, mi occupo di sviluppo web e blogging per Nextre Engineering e il blog di Mirko Cuneo. Scrivo da quando si spammava su MySpace.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Nel 2020 abbiamo scaricato 200 miliardi di applica...

Aumento dello scaricamento delle applicazioni

Secondo App Annie State of Mobile Report 2021, nel 2020 sono state scaricate circa 200 miliardi di applicazioni sui dispositivi mobili, sia da App Store che da Google Play. Praticamente circa il 7% in più rispetto all’anno precedente. Si tratta di un traguardo senza precedenti che non ha alcuna intenzione di arrestarsi e che, anzi, […]

Leggi la news >
N

Cosa possono fare le imprese per riprendersi dalla...

Le imprese si riprendono dalla crisi

Il 2020 è stato un anno impegnativo, sia dal punto di vista sociale che economico. Moltissime imprese si sono ritrovate a dover ricominciare daccapo e rivedere le proprie priorità. Le sfide messe in atto sono state tantissime e altrettante ce ne saranno nei mesi a venire. Le imprese devono prepararsi ad affrontare i problemi nel […]

Leggi la news >
N

LinkedIn introduce nuovi strumenti di controllo de...

controllo delle pubblicazioni su LinkedIn

LinkedIn ha aggiunto di recente alcune funzionalità che consentono di controllare meglio i post pubblicati. Si tratta di strumenti di pubblicazione che consentono di restringere il campo di visualizzazione dei post a un determinato pubblico. In questo modo, sarà possibile anche su LinkedIn decidere chi può vedere ed eventualmente commentare un tuo post o un […]

Leggi la news >