N

Social

Microsoft ha bloccato la pubblicità su Facebook in tutto il mondo

di Patrizia Motta

clock image2 minuti

Stop advertising Microsoft su Facebook

Le aziende che hanno sospeso l’advertising su Facebook stanno crescendo sempre di più.

L’ultimo ad aggiungersi alla lista è il colosso Microsoft, il quale ha deciso di operare a livello globale.

La decisione arriva come una doccia fredda, preceduta dalla sospensione della pubblicità su Facebook in USA.

Per Mark Zuckerberg, la perdita degli investimenti pubblicitari provenienti da Microsoft, rappresenta un fatto piuttosto grave.

Chris Capossela, il iCMO di Microsoft ha così commentato l’accaduto:

“Abbiamo espresso le nostre prime preoccupazioni a maggio, decidendo di sospendere le spese pubblicitarie su Facebook e Instagram negli Stati Uniti.

La situazione non è migliorata, anzi. Ecco perché preferiamo bloccare tutte le spese di advertising su entrambe le piattaforme social, in tutto il mondo”.

Qual è la motivazione di tale scelta? Il colosso di Redmond è stanco di apparire in un social colmo di “contenuti di hate speech, pornografia e terrorismo”.

Quanto durerà questa situazione? Voci di corridoio parlano dell’intero mese di agosto.

C’è possibilità di un dietro front? Capossela dichiara che tutto dipenderà da Facebook e dalle sue azioni positive (o negative) portate avanti in futuro.

Microsoft non ha intenzione di interrompere definitivamente i rapporti con Facebook, preferirebbe piuttosto patteggiare una conclusione idonea.

Ricordiamo che, nel 2019, la società ha investito ben 115 milioni di euro sul social network di Zuckerberg.

Per Facebook il problema comincia a farsi serio. E’ necessario mandare un segnale concreto a tutte quelle aziende che hanno deciso di allontanarsi dalla piattaforma.

Il core business dell’azienda è la vendita di pubblicità; con tutte queste perdite, il social rischia una crisi epocale.

image of Patrizia Motta

Patrizia Motta

Patrizia Motta - Ho una passione per la scrittura e nel tempo libero pratico la danza del ventre.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Nel 2020 abbiamo scaricato 200 miliardi di applica...

Aumento dello scaricamento delle applicazioni

Secondo App Annie State of Mobile Report 2021, nel 2020 sono state scaricate circa 200 miliardi di applicazioni sui dispositivi mobili, sia da App Store che da Google Play. Praticamente circa il 7% in più rispetto all’anno precedente. Si tratta di un traguardo senza precedenti che non ha alcuna intenzione di arrestarsi e che, anzi, […]

Leggi la news >
N

Cosa possono fare le imprese per riprendersi dalla...

Le imprese si riprendono dalla crisi

Il 2020 è stato un anno impegnativo, sia dal punto di vista sociale che economico. Moltissime imprese si sono ritrovate a dover ricominciare daccapo e rivedere le proprie priorità. Le sfide messe in atto sono state tantissime e altrettante ce ne saranno nei mesi a venire. Le imprese devono prepararsi ad affrontare i problemi nel […]

Leggi la news >
N

LinkedIn introduce nuovi strumenti di controllo de...

controllo delle pubblicazioni su LinkedIn

LinkedIn ha aggiunto di recente alcune funzionalità che consentono di controllare meglio i post pubblicati. Si tratta di strumenti di pubblicazione che consentono di restringere il campo di visualizzazione dei post a un determinato pubblico. In questo modo, sarà possibile anche su LinkedIn decidere chi può vedere ed eventualmente commentare un tuo post o un […]

Leggi la news >