Muore Stefano Pernigotti: per Novi Ligure è la fine di un’era

di Luna Saracino

clock image3 minuti

La morte di Stefano Pernigotti

L’11 Agosto 2020 è morto Stefano Pernigotti. Aveva 98 anni ed era il proprietario dell’omonimo marchio dolciario di Novi Ligure. Nonostante da diverso tempo (dal 2013, più o meno) l’azienda sia passata nelle mani di Toksöz Group, multinazionale turca tra le più note del momento, il nome di Stefano Pernigotti è rimasto fortemente legato ai suoi dolci e cioccolatini fino al giorno della sua morte.

Quando la Pernigotti è passata dal suo padre fondatore alla turca Toksöz, non sono mancate le difficoltà. L’azienda, già del gruppo Averna dal 1995, è stata ceduta per questioni economiche e nella speranza di un risollevamento. Nel 2018, 5 anni dopo l’acquisizione, Toksöz Group ha comunicato di voler chiudere i battenti dell’azienda e chiudere definitivamente lo stabilimento principale. Nel 2019, però, è stato proposto un piano di rilancio dell’attività, per provare a risanare il risanabile. Stefano Pernigotti non è mai stato a guardare e, anzi, è rimasto in silenzio a osservare le azioni di Toksöz Group, anche se gli sfarzi del passato non sono mai più stati raggiunti.

La nostalgia dei fasti di un tempo

C’è stato un tempo, infatti, in cui la Pernigotti era azienda leader del suo territorio, sotto tantissimi punti di vista. Pernigotti era sinonimo di qualità, di materie prime provenienti dal territorio, di cura e attenzione al consumo e ai consumatori. Negli anni Settanta, forse, l’apice vero e proprio della sua carriera. Stefano Pernigotti era uno dei nomi di punta dell’economia nazionale di quel periodo, almeno fino a che non sono arrivati gli anni Ottanta. Nel decennio successivo, infatti, Pernigotti subisce il dolore più grande che un uomo possa provare: la perdita di tutti e due i figli in un incidente stradale (mentre i genitori erano in Uruguay a visitare uno stabilimento della Pernigotti). Stefano Pernigotti si è accorto, così, di non poter cedere a nessuno la sua attività ha preferito liquidarla come poteva, cedendo le sue azioni al gruppo Averna, nel 1995. Gli Averna, nel 2013, hanno ceduto tutto a Toksöz Group.

Dal 2013 a oggi, come già anticipato, Toksöz Group ha dovuto faticare per mantenere in piedi l’azienda. Nonostante il piano di rilancio del 2019, la crisi dovuta alla pandemia globale del Coronavirus ha nuovamente messo a rischio gli stabilimenti Pernigotti. Oggi, i dipendenti sono in cassa integrazione straordinaria e restano in attesa che l’azienda proponga un nuovo piano aziendale della durata di almeno un anno, utile a risanare debiti e criticità prima di ripartire più forti di prima.

Muore Stefano Pernigotti: il cordoglio del sindaco

La morte di Stefano Pernigotti ha in qualche modo messo un punto definitivo a un’era che non tornerà mai più. La notizia della sua dipartita è stata comunicata dal sindaco di Novi Ligure, Gian Paolo Cabella, che usando parole di cordoglio ha provato a ricordare il padre di una delle aziende dolciarie più famose al mondo:

«Come amministrazione non possiamo che unirci al cordoglio e al dolore della città che era molto affezionata al Cavaliere. Ha segnato un’epoca con la generazione dei nostri genitori e con quelle precedenti. Tutti ricordano come nel bombardamento dell’8 luglio 1944 avesse offerto rifugio ai novesi nelle cantine dello stabilimento».

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Nel 2020 abbiamo scaricato 200 miliardi di applica...

Aumento dello scaricamento delle applicazioni

Secondo App Annie State of Mobile Report 2021, nel 2020 sono state scaricate circa 200 miliardi di applicazioni sui dispositivi mobili, sia da App Store che da Google Play. Praticamente circa il 7% in più rispetto all’anno precedente. Si tratta di un traguardo senza precedenti che non ha alcuna intenzione di arrestarsi e che, anzi, […]

Leggi la news >
N

Cosa possono fare le imprese per riprendersi dalla...

Le imprese si riprendono dalla crisi

Il 2020 è stato un anno impegnativo, sia dal punto di vista sociale che economico. Moltissime imprese si sono ritrovate a dover ricominciare daccapo e rivedere le proprie priorità. Le sfide messe in atto sono state tantissime e altrettante ce ne saranno nei mesi a venire. Le imprese devono prepararsi ad affrontare i problemi nel […]

Leggi la news >
N

LinkedIn introduce nuovi strumenti di controllo de...

controllo delle pubblicazioni su LinkedIn

LinkedIn ha aggiunto di recente alcune funzionalità che consentono di controllare meglio i post pubblicati. Si tratta di strumenti di pubblicazione che consentono di restringere il campo di visualizzazione dei post a un determinato pubblico. In questo modo, sarà possibile anche su LinkedIn decidere chi può vedere ed eventualmente commentare un tuo post o un […]

Leggi la news >