Le imprese puntano sui pagamenti cashless durante la pandemia

di Luna Saracino

clock image2 minuti

Pagamenti Cashless

Durante il lockdown provocato dalla pandemia del COVID-19, la maggior parte delle persone ha continuato a effettuare acquisti online, riducendo sempre di più lo spostamento dei contanti.

Secondo uno studio condotto da Yoco su 4386 proprietari di piccole aziende, soltanto l’8% ha affermato che non accettava pagamenti in contanti già da prima di Marzo 2020. Già nel mese di Giugno, però, la percentuale è salita al 32%.

Il co-fondatore di Yoco, Carl Wazen, ha dichiarato quanto segue:

Durante l’emergenza sanitaria, le persone hanno rinunciato al contatto fisico. E anche se non ci sono prove che il denaro contante possa trasferire il virus alle persone, c’è ancora molta paura e preoccupazione a riguardo, quindi ci si è spinti verso pagamenti cashless anche per i beni di prima necessità. Resta da vedere, ora, se i pagamenti cashless rimarranno così diffusi e preferiti anche dopo la pandemia o se le aziende decideranno di ritornare ai contanti non appena i clienti si sentiranno più sicuri di poterli maneggiare senza rischi.

Abbracciare l’innovazione per sopravvivere alla crisi

La digital transformation passa anche da qui, dal bisogno di abbracciare un’innovazione come quella dei pagamenti senza denaro contante per poter rimanere a galla nel proprio mercato di riferimento. In questo senso, le imprese dovranno adeguarsi necessariamente a questo cambiamento, perché solo così resisteranno davvero alla crisi che verrà subito dopo la fine dell’emergenza sanitaria.

Sempre secondo lo studio, il 65% delle imprese che hanno accolto i pagamenti cashless afferma che cercherà di mantenere queste modalità di pagamento anche quando usciremo da questa pandemia.

Tuttavia, i costi di gestione sono ancora molto alti, per le aziende: le piccole aziende solitamente hanno un range di spese di gestione che va dal 5 al 15% e che comprende tempo, risorse, sicurezza, transazioni e deposit fee.

D’altro canto, però, i pagamenti cashless (con carta, bancomat, telefono e contactless) sono rapidi, sicuri, immediati e consentono un tracciamento maggiore, anche per ciò che riguarda il pagamento delle tasse, per esempio.

Incentivare anche acquisti piccoli con carte e contactless

Per far sì che i pagamenti senza contanti diventino una vera e propria abitudine, però, è importante che i consumatori si sentano portare a effettuare anche acquisti molto piccoli, quotidiani, come un caffè al bar o un pranzo veloce in una tavola calda. Allo stesso modo, le imprese dovrebbero incentivare queste modalità di pagamento, consentendo ai propri clienti di pagare cashless anche per spese esigue inferiori a un certo tetto minimo.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >
N

Come migliorare il proprio e-commerce nel 2021?

Migliorare il proprio e-commerce nel 2021

La pandemia ha spostato il commercio principalmente online, spingendo moltissime aziende a cambiare completamente le proprie abitudini di vendita. La maggior parte dei brand, oggi, ha un proprio store online a conferma che il settore degli e-commerce sta diventando ogni giorno più popolare. Il motivo è piuttosto semplice: i tempi in cui viviamo sono assai […]

Leggi la news >