Secondo Kaspersky, il phishing nel 2020 ha un target più definito
N

Web

Secondo Kaspersky, il phishing nel 2020 ha un target più definito

di Luna Saracino

clock image3 minuti

il phishing ha un target più definito nel 2020

L’ultimo report sulla sicurezza online di Kaspersky ha rivelato un dato molto interessante. Sembra, infatti, che gli hacker abbiano targettizzato i loro attacchi in modo molto più settoriale rispetto al solito. Gli obiettivi da colpire sarebbero i servizi finanziari, i servizi postali, le spedizioni e le risorse umane. Gli attacchi di phishing arriverebbero via email “travestiti” da “notifiche di consegna”.

Cos’è il phishing e come riconoscerlo?

Il phishing è un attacco mirato da parte di un hacker e volto a far rivelare alla “vittima” dati sensibili riguardanti la propria carta di credito, le proprie password più “delicate”, i propri dati relativi a eventuali conti in banca, eccetera.

È un sistema insidioso e molto pericoloso in cui è molto facile cadere, perché attacca lì dove siamo più sensibili: via email, via messenger, addirittura via messaggio su Whatsapp.

La procedura di “attacco” è pressoché la stessa: arriva via mail o via messaggio, solitamente da una fonte apparentemente attendibile, un link da cliccare con alcune informazioni altrettanto affidabili. Chi clicca sul link – e non dovrebbe farlo, ovviamente – si ritrova davanti una pagina apparentemente professionale (affidabile pure lei) che richiede dati sensibili come password o conto corrente. Questi dati serviranno all’hacker per appropriarsi dell’identità del malcapitato e compiere il malfatto indisturbato.

Difendersi dal phishing: antivirus e sicurezza

Il problema del phishing è che si tratta di una pratica diffusa, comune e ormai sempre più sofisticata. Il rapporto realizzato da Kaspersky, infatti, dimostra che i “pescatori di frodo”, detti anche hacker o “phisher”, hanno perfezionato sempre di più il loro metodo di attacco, raggirando gli utenti con nomi e account a loro familiari. Non solo: alcuni studi dimostrano perfino che il link da cliccare sia diventato sempre più difficile da riconoscere. Per questa ragione, correre ai ripari è fondamentale. Come? Con un buon antivirus, ovviamente. E prestando particolare attenzione alle email che riceviamo.

Secondo quanto dice il report:

Il phishing è un attacco piuttosto forte perché agisce su larga scala. Inviando email a cascata a un numero indefinito di utenti, gli hacker aumentano sensibilmente le loro possibilità di trovare utenti da “attaccare”. Nei primi sei mesi del 2020, inoltre, è emerso un dato importante: per attirare l’attenzione degli utenti, i cosiddetti “phisher” inviano email promozionali e mirate a proporre prodotti e servizi potenzialmente allettanti per le vittime. Secondo gli studi, basterebbe questo a convincere un utente a cliccare su un link, senza neppure preoccuparsi della sua affidabilità.

Difendersi da questi attacchi non è impossibile. Come abbiamo già accennato, è importante proteggersi utilizzando antivirus sempre aggiornati, ma è altrettanto necessario farsi furbi e prevenire questi attacchi, prestando molta, moltissima attenzione ai messaggi che riceviamo. Mai cliccare su un link, insomma, se non si è certi della sua provenienza.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a ...

N

Durante il COVID-19, i CEO puntano tutto sulla tec...

CEO Tecnologia Persone

Durante l’emergenza sanitaria provocata dal COVID-19, la maggior parte dei CEO delle aziende hanno puntato tutto sulla tecnologia, investendo cifre mai pensate prima, nella speranza di rafforzare un settore ancora potenzialmente in crescita. Questa attenzione nei confronti della tecnologia, però, non deve mai distogliere l’attenzione dalle persone, che stanno diventando sempre più talentuose e specializzate […]

Leggi la news >
N

Le aziende dovrebbero avere un’etica dell...

Etica dell'Intelligenza Artificiale

Secondo un recente studio condotto da Capgemini e chiamato “AI and the ethical conundrum”, il 70% dei consumatori si aspetta che le aziende utilizzino l’Intelligenza Artificiale per interagire con gli utenti in modo chiaro, etico e trasparente. Fino a questo momento, l’Intelligenza Artificiale è sempre stata utilizzata in modo superficiale, al punto da produrre spesso […]

Leggi la news >
N

Le fondamenta tecnologiche solide sono alla base d...

Fondamenta Tecnologiche

I professionisti dell’IT hanno bisogno di osservare con molta attenzione il mondo che li circonda, perché solo così possono prevedere le tendenze e irrobustire le fondamenta tecnologiche. La costruzione di fondamenta tecnologiche solide è fondamentale, perché è come costruire le fondamenta robuste per una casa. Le fondamenta, infatti, devono essere robuste per poter sostenere successivamente […]

Leggi la news >