Retail post Covid-19: molti negozi sono ancora chiusi per colpa della crisi

di Patrizia Motta

clock image2 minuti

retail post Covid 19

La diffusione del virus ha colpito duramente il settore retail del nostro Paese.

A tal proposito, Engel & Völkers ha recentemente analizzato 6.600 esercenti italiani, tra il 16 e il 18 giugno 2020.

L’indagine ha svelato che un negozio su tre non ha ancora riaperto, nonostante il periodo del lockdown sia (speriamo per sempre) terminato.

Il 14% degli intervistati infatti, ha dichiarato di aver chiuso definitivamente la propria attività; un altro 14% non è riuscito a riaprire per via dei costi troppo alti.

Il 49% degli esercenti ha invece riaperto con personale ridotto; il restante 29% è tornato a pieno regime, senza grandi impedimenti.

Sicuramente per tutti c’è una grande variabile che aleggia nell’aria, ovvero come acquisire nuovi clienti.

Le previsioni riguardanti i negozi al dettaglio non lasciano ben sperare. Il 29% degli intervistati prevede un calo del fatturato pari al 40%; il 43% del 20% e, solo il 14% dei retailers, parla di trend positivi per il futuro.

“L’emergenza sanitaria ha impattato negativamente sulla fisicità delle attività commerciali” – dichiara Gianluca Sinisi, licence partner di Engel & Völkers Commercial Milano e Lombardia.

Il 72% degli intervistati cercherà location più piccole, meno costose, integrando le vendite online con e-commerce.

Il 16% è convinto che, per poter funzionare, l’attività fisica dovrà necessariamente affiancarsi a quella online. Il restante 12% non effettuerà alcun tipo di modifica alla propria attività”.

La maggior parte dei retailers spera inoltre in una riduzione (o slittamento) del canone di locazione. Costi più sostenibili, maggiore flessibilità della durata contrattuale e più libertà di uscire dal contratto, sono le richieste più “gettonate” dai commercianti.

“I negozianti cercano nuovi accordi con i locatari, con soluzioni innovative e adeguate alla situazione che stiamo vivendo“.

La compartecipazione agli utili nella quantificazione del canone è per esempio un’opzione intelligente” – Commenta l’avvocato Valeria Spagnoletti Zeuli, partner di Rödl & Partner.

Una buona parte degli intervistati (il 70%) si dichiara favorevole a tale soluzione; il 29% preferirebbe una compartecipazione con la parte preponderante in percentuale sul fatturato.

Il 43% degli intervistati vorrebbe la parte preponderante del canone fissa, con una quota residuale in percentuale sul fatturato. Il restante 28% si dichiara non interessato a nessuna delle precedenti opzioni.

image of Patrizia Motta

Patrizia Motta

Patrizia Motta - Ho una passione per la scrittura e nel tempo libero pratico la danza del ventre.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >