Le ricerche "Zero Click" di Google raggiungono il massimo storico
N

Le ricerche “Zero Click” di Google raggiungono il massimo storico

di Eleonora Truzzi

clock image2 minuti

Le ricerche "Zero Click" di Google raggiungono il massimo storico

Oltre il 50% delle ricerche condotte su Google termina senza click su altri contenuti e le ricerche a zero click hanno raggiunto il massimo storico lo scorso giugno.

“Sono in costante aumento da anni, non mi aspetto cambiamenti radicali a breve termine” dichiara Rand Fishkin, fondatore di SparkToro, in seguito allo studio eseguito sui dati clickstream di Google.

Per la prima volta nella storia di Internet, la maggior parte delle ricerche effettuate su Google (50,33%) è terminata senza click verso risultati di ricerca organici o pagati.

Si tratta di una tendenza costante e in continuo rialzo. La ricerca condotta da Fishkin, e pubblicata all’inizio di questa estate, ha rilevato che il 49% delle ricerche effettuate nel primo trimestre del 2019 è stata a zero click, rispetto al 43,9% registrato nel primo trimestre del 2016.

Lo studioso sottolinea che la maggior parte degli episodi riguardanti il fenomeno zero click avviene sui dispositivi mobili, dove il volume di ricerca complessivo appare decisamente più elevato.

Lo studio stima inoltre che il 94% delle ricerche avvenute negli Stati Uniti siano proprietà di Google (inclusi immagini, YouTube e Maps).

Cosa ne pensa Fishkin del futuro della ricerca a pagamento?

Penso che il CTR diminuirà nei prossimi mesi; questo perché, storicamente, ogni volta che Google cambia la modalità di visualizzazione degli annunci a pagamento nei risultati di ricerca, il CTR dell’annuncio inizialmente aumenta.

Diminuisce poi lentamente, man mano che gli utenti acquisiscono familiarità con le nuove funzionalità degli annunci”.

Secondo Fishkin, a breve Google potrebbe creare nuove strategie per indurre gli utenti a fare click sugli annunci.

La percentuale di ricerche a zero click è aumentata nel corso degli ultimi anni; più si alza il numero di ricerche effettuate dagli utenti prive di click su altre pagine, minori sono il traffico e le opportunità di marketing per editori e brand, che rischiano di non raggiungere più nuovi clienti.

image of Eleonora Truzzi

Eleonora Truzzi

Eleonora Truzzi - Scrivo contenuti per il blog di Mirko Cuneo.

N

Su LinkedIn sono in arrivo nuovi strumenti di anal...

LinkedIn aggiornamenti Pagine Aziendali

LinkedIn ha implementato una serie di nuove modifiche sulla piattaforma, tra cui l’analisi dei follower per le Pagine aziendali, un’opzione audio inedita e un processo alternativo per limitare gli inviti alle Pagine aziendali. Partiamo dall’inizio: l’analisi dei followers. Attualmente la pagina aziendale di LinkedIn mostra l’opzione “Nuovo” nella scheda Analytics. L’aggiunta rappresenta la lista di […]

Leggi la news >
N

OBE Summit 2020: il Branded Entertainment tra emer...

OBE Summit 2020

Anche quest’anno si è svolta la consueta edizione di OBE Summit 2020, per la prima volta in live streaming, gratuita per tutti gli utenti. L’Osservatorio Branded Entertainment (ovvero l’Associazione che rappresenta le imprese italiane che investono o producono BC&E e i più importanti stakeholder del settore della comunicazione) ha fornito una panoramica generale del mercato […]

Leggi la news >
N

Facebook lancia una nuova campagna educativa per r...

Facebook lotta contro le fake news

Facebook ha lanciato una nuova campagna mirata a educare gli utenti sulle notizie false. La piattaforma di social media marketing spiegherà come riconoscere i contenuti fuorvianti online, al fine di ridurne la diffusione. Come spiegato da Facebook: “Vogliamo fornire strumenti efficaci per verificare l’autenticità delle news presenti online. Per supportare questo sforzo, lanceremo nelle prossime […]

Leggi la news >