Startup innovative dell’anno 2019: Ecco tutti i dati della regione Lombardia

di Eleonora Truzzi

clock image2 minuti

Startup innovative dell'anno: tutti i dati della regione Lombardia

Il “Booklet Startup 2019” del Centro Studi di Assolombarda ha presentato un resoconto generale delle startup KI (Conoscenza intensiva)  in Lombarda, confrontando quattro aree Europee altamente produttive.

La ricerca ha esaminato oltre 100 mila startup Lombarde, nate tra il 2009 e il 2017, confrontandole con Baden-Württemberg (Germania), Bayern (Germania), Cataluña (Spagna) e Rhône Alpes (Francia).

Le quattro regioni (oltre alla Lombardia) si classificano tra i territori Europei con maggiore vocazione produttiva, vengono perciò indicati come “motori d’Europa”.

Lo studio si è concentrato sulle nuove iniziative imprenditoriali ad alto potenziale, che sviluppano prodotti avanzati con conoscenze altamente specializzate. Manifattura, servizi e arte, cultura e attività creative sono tra i settori di maggiore interesse.

Secondo recenti dati raccolti in Lombardia, quest’area che ospita il 17% della popolazione italiana, conterrebbe ben il 32% dei brevetti nazionali e il 27% della ricerca scientifica dell’intero Paese.

Tra il 2009 e il 2017 sono nate circa 20 mila startup KI; in Lombardia la media è risultata maggiore rispetto ad altre regioni (comprese quelle tedesche).

La regione Lombardia possiede ampie capacità innovative anche in ambiti scientifici, piazzandosi al 16 ° posto nel mondo con Politecnico e Bocconi.

Ottimi anche i dati relativi al trasferimento tecnologico; sono quasi 20 mila le start up con conoscenza intensiva in Lombardia, nate tra il 2009 e il 2017.

Riassumendo: un totale di 13.596 startup KI nate nel Baden-Württemberg, 21.391 nel Bayern, 16.521 in Rhône-Alpes, 21.856 in Cataluña e 19.698 in Lombardia.

Sfortunatamente, i dati relativi alla sopravvivenza delle startup sono meno incoraggianti: il tasso per le startup KI delle aree tedesche si avvicina al 90%, quello lombardo non supera l’83,5%.

Il pericolo chiusura non risparmia le startup più “mature”. Al settimo anno di sopravvivenza le aziende catalane sono quelle più a rischio, con un tasso pari al 5,8%, seguono le lombarde con il 4,4%. Le startup di Bayern e Baden-Württemberg non superano l’1%.

Tra gli altri dati raccolti, risultano interessanti possibilità di acquisizione delle startup; le aziende lombarde divengono attrattive più rapidamente rispetto a quelle tedesche.

Le startup manifattura 4.0 e moda e design sono in assoluto le più performanti.

La ricerca svolta da Assolombarda  fotografa inoltra un’analisi finale sui dati nazionali. In Italia sono nate 86 mila startup tra il 2009 e il 2017, con conoscenza intensiva. Nel 2018 il nostro Paese ha superato la Germania.

 

image of Eleonora Truzzi

Eleonora Truzzi

Eleonora Truzzi - Scrivo contenuti per il blog di Mirko Cuneo.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Amazon continua a investire in Italia: nel 2021 ap...

Amazon apre altri due centri in Italia

Amazon è da sempre uno dei grandi punti di riferimento a livello mondiale per tutto ciò che riguarda e-commerce e acquisti online. La sua grandezza e importanza è tale da essere sempre punto di riferimento principale, quando si parla di un determinato tipo di business. La piattaforma di e-commerce di Jeff Bezoz è così importante […]

Leggi la news >
N

Quali saranno le tendenze dei consumatori nel 2021...

le tendenze dei consumatori nel 2021

Euromonitor International, la compagnia specializzata nelle ricerche sul mercato globale, ha rilasciato di recente un report, “Top 10 Global Consumer Trends 2020”, in cui analizza i possibili comportamenti dei consumatori negli anni a venire secondo le imprese. Come è stato spesso sottolineato, l’emergenza sanitaria del COVID-19 ha chiaramente trasformato i bisogni e le priorità delle […]

Leggi la news >
N

Costruire un rapporto duraturo con i clienti duran...

Rapporto tra imprese e clienti

Il 2020 è stato l’anno della trasformazione e del cambiamento, per moltissime imprese in giro per il mondo. Secondo uno studio condotto da Kantar chiamato ‘Covid-19: What do consumers expect from brands’ il 60% dei consumatori avvertono l’esigenza di diventare più proattivi per tutto ciò che concerne pianificazione e sicurezza nel loro imminente futuro. Non […]

Leggi la news >