N

Social

Nasce The Creator Union, il sindacato inglese per la tutela delle influencer

di Luna Saracino

clock image3 minuti

sindacato influencer

Essere influencer non è più un passatempo. A dire il vero, non lo è mai stato: le influencer sono una vera e propria pubblicità ambulante, che consente ai marchi più o meno noti di raggiungere un numero di persone elevatissimo.

Il mestiere dell’influencer, però, è così nuovo da non avere regole stabilite e universali: manca uno statuto, un ordine, un contratto, è difficile anche stabilire un compenso minimo sindacale. E di sindacati si parla, appunto, quando bisogna tutelare il proprio lavoro e la propria persona in ambito lavorativo.

Per questa ragione, un gruppo di influencer di Instagram inglesi ha fondato The Creator Union (TCU). Si tratta di un vero e proprio sindacato di categoria pensato per la regolamentazione dei contratti tra aziende e influencer, sia dal punto di vista economico che dal punto di vista dell’immagine. Un sindacato come questo, infatti, tutelerebbe le influencer anche da un punto di vista etico e nella creazione di contenuti.

Il TCU inglese si affiancherà all’American Influencer Council (AIC), nata a giugno 2020 con le stesse identiche intenzioni e modalità.

Un sindacato per le influencer a tutelare i loro diritti

Lavorare sui social e fare social media marketing sta diventando la norma, negli ultimi tempi, ed è importante, quindi, regolamentare le prestazioni lavorative online, creando contratti ad hoc e favorendo la tutela dei diritti del lavoratore, privacy inclusa. Diritti, questi, che necessitano una salvaguardia anche dal punto di vista etico e sociale, nella lotta alla discriminazione e con la speranza di ottenere pari diritti anche nella comunità black e Lgbtq+. Secondo alcune stime, infatti, il pay gap è una tragica realtà anche tra gli influencer: a guadagnare di più sono, come sempre, i modelli/e bianchi e cis.

Nicole Ocran, influencer e co-fondatrice di TCU, ha rilasciato di recente un’intervista a Vogue Business:

Spesso anche marchi molto conosciuti non permettono alle influencer di negoziare i compensi, non offrono contratti e non pagano rispettando le tempistiche”

Ferme e decise anche le parole di Brittany Xavier, influencer e vicepresidente di AIC:

“Vogliamo dare voce alla nostra posizione nei confronti delle piattaforme leader che hanno beneficiato del nostro lavoro. Voglio prendere parte alla regolamentazione degli standard per le future generazioni di influencer”

Un compenso equo, un contratto etico e rispettoso, una rappresentazione intersezionale. Diritti legittimi che dovrebbero spettare a ogni essere umano e che, nel mondo della comunicazione online, sono spesso messi da parte in favore del semplice guadagno.

Un supporto legale a 360°

Il sindacato TCU offrirà a tutte le influencer un supporto legale a 360°, con la speranza di ampliare i propri orizzonti in pochissimo tempo. Quello sui social è un lavoro come tanti e tutelarsi online è diventato fondamentale, soprattutto se si lavora con la propria immagine.

Ci vuole rispetto, fiducia, coerenza, uguaglianza, la giusta rappresentazione. Se viene a mancare anche solo uno di questi fattori, non ci può essere un lavoro etico. Il sindacato delle influencer servirà proprio a questo.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Il brand milanese Prada raggiungerà i 5 miliardi ...

prada-ricavi

Secondo il CEO di Prada, Patrizio Bertelli, la nota casa di moda milanese aumenterà i suoi ricavi fino a 5 miliardi di euro entro i prossimi quattro o cinque anni. Si tratta di una ripresa fisiologica che segue la forte crisi provocata dalla pandemia mondiale. Nel 2021 si registrerà una ripresa in tutto il settore […]

Leggi la news >
N

Nel 2020 abbiamo scaricato 200 miliardi di applica...

Aumento dello scaricamento delle applicazioni

Secondo App Annie State of Mobile Report 2021, nel 2020 sono state scaricate circa 200 miliardi di applicazioni sui dispositivi mobili, sia da App Store che da Google Play. Praticamente circa il 7% in più rispetto all’anno precedente. Si tratta di un traguardo senza precedenti che non ha alcuna intenzione di arrestarsi e che, anzi, […]

Leggi la news >
N

Cosa possono fare le imprese per riprendersi dalla...

Le imprese si riprendono dalla crisi

Il 2020 è stato un anno impegnativo, sia dal punto di vista sociale che economico. Moltissime imprese si sono ritrovate a dover ricominciare daccapo e rivedere le proprie priorità. Le sfide messe in atto sono state tantissime e altrettante ce ne saranno nei mesi a venire. Le imprese devono prepararsi ad affrontare i problemi nel […]

Leggi la news >