L’imperativo della trasformazione digitale per i servizi condivisi

di Giuseppe Tavera

clock image3 minuti

Trasformazione digitale dei servizi condivisi

Il progresso tecnologico così onnipresente ha spinto la maggior parte delle imprese a puntare tutto sulla digital transformation, anche nel caso dei servizi condivisi.

Il concetto di “shared services” (servizi condivisi, appunto) è stato introdotto già negli anni Ottanta e si riferisce a multinazionali con diverse tipologie di business alla ricerca di un modo per ridurre i costi amministrativi. La digital transformation, invece, è un concetto assai moderno e figlio del ventunesimo secolo, esploso forse verso la fine degli anni Novanta.

La trasformazione diventa prioritaria in tempi di pandemia

La trasformazione digitale, oggi, è alla base di tutte le imprese, anche quelle che non credevano di aver bisogno di un’infrastruttura digitale solida. La responsabilità di questa accelerazione è dovuta, forse, all’emergenza sanitaria del COVID-19, che ha costretto letteralmente le aziende a stare al passo coi tempi, offrendo ai propri clienti un servizio digitale fluido e immediato.

A causa della pandemia globale, sempre più persone si sono ritrovate a lavorare da casa, ad acquistare online, a gestire la maggior parte delle proprie attività a distanza. Le aziende, i brand, le imprese, non sono rimaste a guardare e hanno avviato processi di digital transformation alla velocità della luce, per poter stare al passo con le richieste degli utenti e per poter superare la crisi.

La trasformazione digitale, però, non riguarda solo il commercio, ma anche la vita delle persone. Tutti, nostro malgrado, ci siamo ritrovati a utilizzare la tecnologia su base quotidiana, non solo per consultare le notizie o scrivere sui social network, ma anche per operazioni ordinarie come fare la spesa o partecipare a una riunione di lavoro.

Trasformazione digitale e servizi condivisi

In sostanza, gli sviluppi tecnologici onnipresenti del nostro tempo hanno accompagnato le aziende moderne e i servizi condivisi verso una nuova era della trasformazione digitale, anticipando sensibilmente i tempi e spingendo le imprese a prioritizzare i risparmi sulle spese, anche quelle necessarie. La trasformazione digitale, però, non cambia in alcun modo gli obiettivi dei servizi condivisi. Le compagnie devono sempre dare priorità al miglioramento dei servizi e guidare la propria azienda verso una crescita e un’efficienza globale.

Non solo: proprio in vista di questa pandemia, le imprese hanno dovuto investire ciò che potevano per mettere in sicurezza gli spazi di lavoro e favorire, dove possibile, lo smart working. Per questo motivo, a maggior ragione, diventa necessario irrobustire un’infrastruttura digitale, nella speranza che offra ai propri dipendenti una modalità di lavoro nuova ma altamente funzionale.

image of giusetavera

Giuseppe Tavera

Giuseppe Tavera - Apprendista influencer. Vecchio sardo brontolone, mi occupo di sviluppo web e blogging per Nextre Engineering e il blog di Mirko Cuneo. Scrivo da quando si spammava su MySpace.

Leggi altro
N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >