Come si trasformeranno gli uffici nell’era post Covid?

di Luna Saracino

clock image2 minuti

come saranno gli uffici post covid?

Come è cambiato il mondo del lavoro post COVID-19? In che modo l’emergenza sanitaria ha trasformato gli spazi urbani, i luoghi fisici, gli uffici, gli spostamenti? Secondo il CEO di Coima, che si occupa di immobili in ambito istituzionale, gli uffici potrebbero cambiare forma e funzione, dopo il COVID-19. Non più semplici luoghi di produzione, ma veri e propri spazi interattivi, in cui i lavoratori abbiano la possibilità di esprimere al meglio le loro competenze anche in ambito creativo.

Il lavoro in smart working darà una nuova forma agli spazi fisici

C’è però un altro dato importante da non sottovalutare: il lavoro in smart working sta finalmente diventando realtà, in Italia, anche se il paragone con il resto d’Europa è di difficile attuazione.

Secondo i dati dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, raccolti intervistando quasi 800 imprese e più di 300 enti dell’amministrazione pubblica, le grandi aziende sono ovviamente un passo avanti rispetto a quelle più contenute, per ciò che concerne il lavoro a distanza. Già prima del COVID-19, infatti, le grandi imprese che avevano introdotto lo smart working erano già il 65%, mentre le piccole imprese e la pubblica amministrazione oscillavano tra il 20 e il 30%.

Il lavoro diventerà più fluido, gli spazi fisici punteranno alla condivisione e alla collaborazione

Secondo le ricerche effettuate da Coima, invece, le aziende potrebbero puntare a una modalità lavorativa molto più fluida, che riduca gli spazi lavorativi spingendo i dipendenti a un lavoro da remoto. Lavoro da remoto che, però, può essere adottato anche in modo più agile, magari per metà della settimana lavorativa, mentre il resto dei giorni è possibile svolgerli in presenza.

Cambia in contemporanea anche la richiesta degli spazi da adibire a uso ufficio, sia a Milano che a Roma. Coima ha, infatti, registrato una trasformazione sensibile delle esigenze delle imprese, che puntano a spazi sempre più sostenibili e orientati verso il benessere del dipendente. Se lo smart working diventerà una costante per il mondo del lavoro italiano, i luoghi fisici cambieranno necessariamente forma, trasformandosi in luogo di incontro e di scambio, anziché in semplici luoghi di produzione. È probabile, quindi, che gli uffici avranno molti più spazi aperti e orientati all’incontro, al dialogo, alla collaborazione.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >