4 motivi per cui l’umiltà è l’ingrediente chiave di una leadership eccezionale

Le persone che amiamo seguire nella vita reale sono quelle che non hanno bisogno di mostrare al pubblico i loro successi o di convincere gli altri riguardo alla loro grandezza. Non è un caso che nella vita siamo maggiormente ispirati dai leader che mostrano ai terzi un carattere eccezionale, che sono orgogliosi di quello che hanno fatto negli anni e in che modo hanno raggiunto i loro obiettivi. I dirigenti umili utilizzano le loro competenze, conoscenze ed esperienze con lo scopo di connettersi al meglio con le altre persone. Qui sotto ci sono 4 punti che sintetizzano l’importanza dell’umiltà nella leadership aziendale.

4 motivi per cui l’umiltà è l’ingrediente chiave di una leadership eccezionale:

1. L’umiltà alla base di tutto

Siamo tutti degli esseri umani e come tali siamo vulnerabili nella nostra unicità. I migliori leader riescono a leggere meglio di altri – grazie all’esperienza maturata sul campo – le debolezze dei dipendenti e convertirle in punti di forza. I leader che si definiscono come migliori di tutto e tutti non raccolgono molti giudizi positivi dalle persone che li circondano. Quando i leader si definiscono come perfetti, le persone non sono abbastanza attratte da loro perché ritengono che non possano mai essere autentici e soprattutto hanno paura di non essere accettate dai leader con uno status sociale così elevato. Il fatto di essere auto-rivelatori porta le persone a connettersi tra loro, perché si elimina quella barriera sociale che in molti temono. È ciò che fa sentire i cittadini sicuri e accettati. È un pensiero che dovrebbero adottare molti leader.

2. Autorità bilanciata

Molti leader non usano al meglio la loro autorità. Il rango eleva lo status di potere in azienda e questo, in molte occasioni, non è facile da gestire. I leader umili non abusano della loro posizione ma la sfruttano per portare benefici all’azienda stessa e ai dipendenti che ci lavorano. La usano per incoraggiare gli altri e per delegare i dipendenti che sono in grado di eseguire un compito lavorativo complesso. Quando il leader principale possiede ottime doti d’umiltà, questa caratteristica viene usata per stabilire l’ordine e la disciplina tra i membri del team. Questi leader sono sempre in prima linea con lo scopo di aiutare il proprio team a crescere e comprendere al meglio la realtà aziendale.

3. Promuovere i dipendenti

Chi guida un’azienda con umiltà, sa qual è la strategia migliore per preparare il team. Questi leader incoraggiano, sostengono e promuovono in continuazione la propria squadra. I leader migliori riescono a farsi voler bene dal proprio team, anche quando promuovono il valore del lavoro più impegnativo. I leader umili promuoveranno sempre le persone che hanno contribuito a far crescere la propria azienda, anche quando queste decideranno di sposare un altro progetto aziendale.

4. Riconoscere le qualità degli altri

I leader più umili si concentrano sui punti di forza dei loro dipendenti. Quando un leader riconosce i punti di forza del suo team, questo sarà più motivato e lavorerà meglio. Guidare le persone verso il successo potrebbe portare a risultati positivi anche nel breve termine. Inoltre, i leader umili sanno quando è importante riconoscere una situazione che non ha portato ai risultati sperati. Quando succede, istruiscono i membri del team singolarmente e collettivamente su ciò che è andato storto, sviluppano nuove strategie e inviano il loro team nel campo di lavoro tortuoso per riprovare. I leader umili sanno come muoversi nelle situazioni più difficili.

WhatsApp chat