N

Social

WhatsApp: il nuovo pulsante “Doubt” per scovare le fake news

di Domiziana Desantis

clock image2 minuti

Whatsapp pulsante doubt

Esiste un nuovo pulsante per esprimere dubbi in riferimento ad affermazioni discutibili su WhatsApp. Questa aggiunta potrebbe aiutare la piattaforma a ridurre la diffusione di disinformazione, proprio come rivela uno Studio incentrato sull’India.

Potrebbe funzionare in modo simile ai “Mi piace”, che esistono su altre piattaforme. In questo modo sarebbe molto facile per WhatsApp individuare post controversi o non veritieri” – afferma lo studio di ricercatori dell’Università della Pennsylvania, Leiden University, IE University.

Una tale strategia sarebbe del tutto compatibile con la natura crittografata della piattaforma, poiché i post contrassegnati verrebbero utilizzati per comunicare ad altri utenti la possibile inattendibilità della notizia.”

Contrastare la diffusione di fake news tra gli utenti della piattaforma è una grande sfida. WhatsApp infatti non può vedere il contenuto dei messaggi a causa della crittografia end-to-end, che consente solo a mittente e destinatario di visualizzare le conversazioni.

Gli sforzi di WhatsApp per ridurre la condivisione di notizie false includono la limitazione del numero di forward a cinque, oltre a campagne di sensibilizzazione tematiche sui possibili pericoli.

I risultati suggeriscono che, sebbene le correzioni guidate dagli utenti funzionino, la semplice segnalazione di un dubbio può fare la differenza per ridurre la disinformazione” – afferma su Twitter uno degli autori dello studio Sumitra Badrinathan dell’Università della Pennsylvania.

I ricercatori hanno valutato in modo sperimentale l’effetto di diversi messaggi correttivi sulla persistenza di voci comuni, tra oltre 5.000 utenti di social media in India.

I risultati suggeriscono che la segnalazione per possibile fake news notificata da un solo partecipante al thread, è sufficiente per ridurre significativamente i tassi di convinzione della notizia” – afferma lo studio finanziato da Facebook.

 “Qualsiasi espressione di incredulità riguardo ad affermazioni false pubblicate nei thread, porta ad una riduzione della convinzione auto-segnalata. Potete stanne certi” – concludono i ricercatori.

image of Domiziana Desantis

Domiziana Desantis

Il potere delle parole mi ha sempre affascinata, tanto che ho fatto della comunicazione la mia professione. Lavoro come Web Content Creator & Editor in Nextre Digital, web Agency di Milano, e scrivo contenuti per il blog di Mirko Cuneo.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Nel 2020 abbiamo scaricato 200 miliardi di applica...

Aumento dello scaricamento delle applicazioni

Secondo App Annie State of Mobile Report 2021, nel 2020 sono state scaricate circa 200 miliardi di applicazioni sui dispositivi mobili, sia da App Store che da Google Play. Praticamente circa il 7% in più rispetto all’anno precedente. Si tratta di un traguardo senza precedenti che non ha alcuna intenzione di arrestarsi e che, anzi, […]

Leggi la news >
N

Cosa possono fare le imprese per riprendersi dalla...

Le imprese si riprendono dalla crisi

Il 2020 è stato un anno impegnativo, sia dal punto di vista sociale che economico. Moltissime imprese si sono ritrovate a dover ricominciare daccapo e rivedere le proprie priorità. Le sfide messe in atto sono state tantissime e altrettante ce ne saranno nei mesi a venire. Le imprese devono prepararsi ad affrontare i problemi nel […]

Leggi la news >
N

LinkedIn introduce nuovi strumenti di controllo de...

controllo delle pubblicazioni su LinkedIn

LinkedIn ha aggiunto di recente alcune funzionalità che consentono di controllare meglio i post pubblicati. Si tratta di strumenti di pubblicazione che consentono di restringere il campo di visualizzazione dei post a un determinato pubblico. In questo modo, sarà possibile anche su LinkedIn decidere chi può vedere ed eventualmente commentare un tuo post o un […]

Leggi la news >