N

Web

L’Austria obbliga le piattaforme online a eliminare i contenuti illegali

di Luna Saracino

clock image3 minuti

contenuti illegali online

L’Austria ha intenzione di chiedere alle grandi piattaforme online come Facebook e Google di cancellare i contenuti illegali, pena una multa salatissima che può arrivare fino a 10 milioni di euro.

È stato il governo austriaco a comunicarlo nei giorni scorsi, soprattutto a seguito del disegno di legge sull’odio online, che punta sulle grandi piattaforme online, quelle con più di 100.000 utenti unici e guadagni superiori ai 500.000 euro annui.

Il ministro della giustizia austriaco, Alma Zadic, ha intenzione con questa legge di consentire alle vittime di odio online di poter ottenere una copertura legale a costi contenuti.

Secondo Zadic, infatti:

Internet non è un posto in cui non ci sono leggi. Le nostre leggi devono essere applicate anche online.

Cosa prevede la legge austriaca?

La legge austriaca contro l’odio online prevede anche una procedura rapida, gratuita per i primi tre anni, che permetterà alle vittime di odio online di ottenere un decreto ingiuntivo in pochissimi giorni. Le piattaforme online, dal canto loro, saranno obbligate a creare un sistema di segnalazione più accessibile e dovranno, poi, inserire in modo visibile il contatto di una persona fisica che dia supporto agli utenti e crei un report annuale su tutte le segnalazioni effettuate.

Non solo, le piattaforme online dovranno eliminare nel giro di 24 ore dalla segnalazione il contenuto incriminato e avranno 7 giorni in tutto per poter agire. In caso contrario, il governo austriaco potrà applicare una multa fino a 10 milioni di euro. Facebook, al momento, ha deciso di non rilasciare dichiarazioni particolari a riguardo.

La nuova legge austriaca sta prendendo posizioni anche sul cosiddetto “upskirting”, una pratica che prevede lo scatto di una foto alle parti intime di una persona senza il suo consenso. La pena prevista, in questo caso, è fino a un anno di reclusione.

ISPA chiede aiuto a tutti i paesi europei

L’associazione austriaca per i servizi digitali, ISPA, rappresenta più di 200 compagnie in Austria, inclusi Google Austria GmbH e Facebook Germany GmbH, e ha accolto la legge positivamente. Dal canto suo, però, adesso chiede anche il supporto delle altre associazioni europee. I crimini d’odio online devono essere frenati e regolamentati, in qualche modo. Non è ammissibile che il cyberbullismo non sia ancora un crimine realmente perseguibile dalla legge, così come non è ammissibile che le piattaforme online non siano costrette a rimuovere rapidamente certi contenuti.

Come affermato in una dichiarazione dai membri di ISPA:

Solo una regolamentazione europea uniformata può diventare uno standard di successo e affermarsi in tutto il mondo. I percorsi individuali non possono andare troppo lontano.

In tutto il mondo, infatti, la preoccupazione per i contenuti inappropriati e illegali cresce a dismisura. La legge tedesca del 2018, però, ha avuto un impatto oggettivamente limitato e ha spinto, Berlino, a chiedere aiuto all’Unione Europea per poter contrastare questa terribile abitudine che è diventata l’odio online.

Preoccupazioni a parte, la legge austriaca sarà presentata in parlamento a breve e dovrà essere approvata prima di poter essere applicata come dovrebbe.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Costruire un rapporto duraturo con i clienti duran...

Rapporto tra imprese e clienti

Il 2020 è stato l’anno della trasformazione e del cambiamento, per moltissime imprese in giro per il mondo. Secondo uno studio condotto da Kantar chiamato ‘Covid-19: What do consumers expect from brands’ il 60% dei consumatori avvertono l’esigenza di diventare più proattivi per tutto ciò che concerne pianificazione e sicurezza nel loro imminente futuro. Non […]

Leggi la news >
N

Aumenta del 23% la pubblicità digitale delle azie...

pubblicità digitale cina

Secondo il report China Media Inflation Trends del 2021, i ricavi sulla comunicazione digitale delle aziende cinesi sono aumentati del 23% durante tutto il 2020, probabilmente merito o causa dell’emergenza sanitaria del COVID-19. Secondo le stime prevista, questa percentuale continuerà a crescere anche nel 2021 e probabilmente aumenterà anche negli anni a venire. I grandi […]

Leggi la news >
N

I consumatori preferiscono contattare le imprese v...

I consumatori contattano le imprese via chat

L’e-commerce è il commercio del futuro. Lo è già da diversi anni, a dire il vero, ma l’emergenza sanitaria ha spinto tantissime persone all’interno delle proprie case, portandole ad acquistare sempre di più online, anche beni di prima necessità. La parola chiave del 2020 è stata trasformazione, sia digitale che strutturale delle imprese, che non […]

Leggi la news >