N

Web

Google: in arrivo nuovi badge per segnalare i siti lenti su Chrome

di Alessandro Aru

clock image2 minuti

Google: in arrivo nuovi badge per segnalare i siti lenti su Chrome

Novità molto importante in casa Google: d’ora in poi la società etichetterà con un badge speciale i siti web giudicati lenti sul browser Chrome.

I siti lenti non piacciono a nessuno. Se un sito non carica subito la pagina, spesso gli utenti escono dal sito senza aspettare troppo, per questo Google vuole fare una distinzione.

La notizia arriva direttamente dal blog ufficiale di Chromium, ecco cosa dice:

Gli utenti sono il nostro pensiero primario, desideriamo che l’esperienza sul web sia la migliore possibile. Ecco perché vorremmo aiutarvi a comprendere quando un sito carica lentamente, premiando chi al contrario è veloce.

Il badge per i siti lenti ha lo scopo di facilitare l’identificazione della situazione, prima di cominciare a navigare. In questo modo i proprietari dei siti web verranno incentivati a migliorare la gestione della velocità.

Google sta quindi sperimentando un’etichetta speciale, che verrà applicata secondo criteri ben precisi. I tempi d’attesa in fase d’apertura decreteranno, o meno, l’assegnazione del badge.

Attualmente l’esatto funzionamento della segnalazione non è ancora del tutto noto; esistono tuttavia varie ipotesi:

  • Verrà mostrata una schermata di caricamento iniziale con l’avviso: “Di solito carica lentamente
  • Apparirà una barra di avanzamento con colori differenti a seconda del tempo di caricamento
  • Ci sarà un menu contestuale per indicare il tempo di apertura del collegamento

I rilevamenti iniziali si baseranno principalmente sulla latenza storica del sito. La tipologia del dispositivo utilizzato o le condizioni di rete particolari potranno influenzare le segnalazioni.

Cosa significa? Presto sarà possibile capire se il sito visitato è lento a caricare per via della pesantezza della pagina, o per la scarsa connessione utilizzata.

La società non esclude in futuro di etichettare i siti web basandosi anche su altri parametri (oltre la velocità), al fine di migliorare notevolmente la qualità della navigazione.

Detto ciò, i proprietari dei siti web sono chiaramente invitati a gestire correttamente la velocità delle proprie pagine, per evitare segnalazioni negative da parte di Google.

La società mette a disposizione utili strumenti creati per migliorare le prestazioni della velocità sul web, come Page Speed ​​Insight, Lighthouse e web.dev/fast.

image of alessandroaru

Alessandro Aru

Ciao a tutti, mi chiamo Alessandro Aru e collaboro con Mirko da 3 anni. In questo tempo mi sono lasciato coinvolgere dal suo carisma e voglia di fare. Sono onorato di aiutarlo a gestire questo progetto di blogging.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Costruire un rapporto duraturo con i clienti duran...

Rapporto tra imprese e clienti

Il 2020 è stato l’anno della trasformazione e del cambiamento, per moltissime imprese in giro per il mondo. Secondo uno studio condotto da Kantar chiamato ‘Covid-19: What do consumers expect from brands’ il 60% dei consumatori avvertono l’esigenza di diventare più proattivi per tutto ciò che concerne pianificazione e sicurezza nel loro imminente futuro. Non […]

Leggi la news >
N

Aumenta del 23% la pubblicità digitale delle azie...

pubblicità digitale cina

Secondo il report China Media Inflation Trends del 2021, i ricavi sulla comunicazione digitale delle aziende cinesi sono aumentati del 23% durante tutto il 2020, probabilmente merito o causa dell’emergenza sanitaria del COVID-19. Secondo le stime prevista, questa percentuale continuerà a crescere anche nel 2021 e probabilmente aumenterà anche negli anni a venire. I grandi […]

Leggi la news >
N

I consumatori preferiscono contattare le imprese v...

I consumatori contattano le imprese via chat

L’e-commerce è il commercio del futuro. Lo è già da diversi anni, a dire il vero, ma l’emergenza sanitaria ha spinto tantissime persone all’interno delle proprie case, portandole ad acquistare sempre di più online, anche beni di prima necessità. La parola chiave del 2020 è stata trasformazione, sia digitale che strutturale delle imprese, che non […]

Leggi la news >