N

Web

Google: al via i test per la rimozione degli URL dai risultati di ricerca

di Patrizia Motta

clock image2 minuti

Google: al via i test per la rimozione di URL dai risultati di ricerca

Il nuovo obiettivo di Google è quello di ripulire l’interfaccia utente, presentando una pagina dei risultati di ricerca visivamente più ordinata e minimalista.

A tal fine, la società sta sperimentando un importante cambiamento: la rimozione di URL dai risultati di ricerca. Attualmente Google non ha rilasciato dichiarazioni al riguardo.

Fino a questo momento, l’URL ottenuto dal risultato di ricerca appariva sotto il collegamento principale collegato al sito Web.

Questa nuova funzionalità, se confermata, rappresenterà un cambiamento piuttosto radicale. La modifica non influirà sulle procedure di ottimizzazione, anche se renderà tuttavia più confusa la classifica dei risultati ottenuti dalle ricerche.

Quali sono i contro? C’è chi afferma che, rimuovendo il nome del dominio dai risultati di ricerca, sarà più facile per i siti di phishing ingannare gli utenti. Gli esperti affermano che se la situazione dovesse degenerare, Google sarà costretto ad abbandonare la modifica.

Se i siti di phishing riusciranno a trovare un metodo per sfruttare la mancanza di domini nei risultati di ricerca, avranno la chance di indurre le persone a divulgare password, carte di credito e informazioni sensibili all’interno di siti malevoli.

Quali sono i pro della modifica? I “domini di alto livello moderni” otterranno più clic, poiché gli utenti non saranno più in grado di cliccare rapidamente, non potendosi più basare sull’affidabilità percepita dell’URL.

In conclusione, la “guerra agli URL” di Google, in particolare nel contesto di AMP, permetterà alla società di controllare il web e il modo in cui i contenuti saranno monetizzati.

Per monitorare meglio la situazione, Google sta tentando di convincere i siti Web a pubblicare versioni di pagine studiate per ingannare i browser, mostrando domini e URL reali, come se il contenuto arrivasse dai proprietari, quando in realtà proviene dalla cache di Google server.

image of Patrizia Motta

Patrizia Motta

Patrizia Motta - Ho una passione per la scrittura e nel tempo libero pratico la danza del ventre.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

I consumatori preferiscono contattare le imprese v...

I consumatori contattano le imprese via chat

L’e-commerce è il commercio del futuro. Lo è già da diversi anni, a dire il vero, ma l’emergenza sanitaria ha spinto tantissime persone all’interno delle proprie case, portandole ad acquistare sempre di più online, anche beni di prima necessità. La parola chiave del 2020 è stata trasformazione, sia digitale che strutturale delle imprese, che non […]

Leggi la news >
N

Gli strumenti fondamentali per una buona strategia...

Strategie ABM secondo LinkedIn

Per far fronte alle sfide degli esperti di marketing, LinkedIn sta provando a elaborare soluzioni che coinvolgano le strategie ABM, quelle che riguardano il cosiddetto account-based marketing. La strategia ABM consiste nell’individuare le aziende che fanno parte di un determinato target e costruire progetti dedicati con lo scopo di attirare quante più persone possibili. Un […]

Leggi la news >
N

Quali sono le tendenze del settore ICT previsti pe...

Tendenze nell'ICT nel 2021

Con l’acronimo ICT si intendono le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ovvero l’insieme di tecniche con cui si trasmettono, ricevono o elaborano dati e informazioni, anche attraverso le tecnologie digitali. Gli esperti del settore ICT, nel corso del 2020, si sono trovati a dover affrontare uno scenario apocalittico, dal punto di vista delle previsioni future. […]

Leggi la news >