N

Web

3 Nuove Funzioni per Google App Campaign in arrivo a Luglio

di Eleonora Truzzi

clock image2 minuti

Google App Campaign in arrivo a Luglio

Le nuove Google App Campaign arriveranno a Luglio, arricchite da 3 interessanti funzionalità.

1. Value Bidding:

Proprio come gli inserzionisti Facebook, anche gli utenti Google potranno scegliere il proprio target.

2. Similar Audiencies:

Le campagne per Google App consentiranno agli inserzionisti di trovare nuovi utenti simili ai propri già esistenti. Entrambe le funzionalità miglioreranno radicalmente il ritorno sulla spesa pubblicitaria.

3. Ad Groups:

A partire da luglio, potrai impostare più annunci nella stessa campagna, personalizzando le risorse in ciascun gruppo scegliendo un “tema” o messaggi differenti per i clienti.

Da sempre Google utilizza gli annunci in modo che gli inserzionisti possano promuovere le proprie app su piattaforme differenti, da un unico sistema pubblicitario.

D’ora in poi, potrai creare elementi pubblicitari al posto di interi annunci, utilizzando un’ampia varietà di risorse creative (testi, immagini e video) per ottenere risultati migliori.

A differenza della maggior parte delle campagne per app Google, non verranno progettati singoli annunci; Google sfrutterà infatti idee e risorse del testo per creare un’efficace varietà di inserzioni, su diversi formati e reti.

Tutto ciò che dovrai fare sarà fornire un testo, un’offerta iniziale e un budget, selezionando le lingue e le posizioni per i tuoi annunci. I sistemi automatizzati testeranno diverse combinazioni, mostrando le soluzioni migliori.

L’intelligenza artificiale di Google App Campaign deciderà direttamente come pubblicare gli annunci, piazzandoli su canali differenti, tra cui il Play Store, altre app, Google Research e YouTube.

Come migliorare i risultati?

Ecco alcune strategie vincenti:

  • Aumentare i rapporti Bid-to-Budget;
  • Impostare i rapporti Bid-to-Budget;
  • Studiare il nuovo target di Google che restituisce la spesa pubblicitaria (tROAS);
  • Utilizzare Geo Expansions;
  • Considerare il cluster di mercato per budget ridotti;
  • Apportare piccole modifiche all’offerta;
  • Impostare le offerte all’inizio della giornata;
  • Aggiungere risorse creative ad ogni campagna;
  • Sfruttare il grafico degli algoritmi;
  • Caricare video, immagini, HTML5;
  • Massimizzare le prestazioni della campagna con il Diagramma apposito;
  • Utilizzare il targeting per prodotto automatico, cross-channel e tCPA.
image of Eleonora Truzzi

Eleonora Truzzi

Eleonora Truzzi - Scrivo contenuti per il blog di Mirko Cuneo.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >