Aggiornamenti Huawei: la proroga del Presidente degli Stati Uniti è scaduta

Aggiornamenti Huawei, la proroga di Trump è scaduta

di Patrizia Motta

clock image2 minuti

Aggiornamenti Huawei, la proroga di Trump è scaduta

Trump e Xi Jinping devono trovare un compromesso per risolvere la discussione riguardante Huawei; nel frattempo Washington si dichiara contraria.

Il Presidente degli Stati Uniti e il Presidente della Cina si sono recentemente incontrati, all’esatta scadenza dei 90 giorni di proroga del ban di Trump nei confronti del produttore di smartphone Huawei.

Il settore tecnologico resta in trepidante attesa, nella speranza di ricevere presto aggiornamenti e conoscere le eventuali novità commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Ultimamente la situazione pareva essersi tranquillizzata, ma Trump smentisce prontamente.

Cosa accadrà a Huawei? Teoricamente dovrebbe attivarsi il divieto da parte delle aziende americane di vendere e comprare i prodotti e i servizi del brand cinese senza l’approvazione del governo.

Si tratta di una vera e propria guerra tecnologico-commerciale tra Cina e Stati Uniti, scaturita dal ban imposto da Trump. Le conseguenze potrebbero rivelarsi più dure del previsto.

Si spera in un’eventuale seconda proroga, emanata dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, della durata di 90 giorni, periodo giudicato sufficiente per poter trovare un accordo equo e definitivo tra le due potenze.

Tuttavia, il Presidente Donald Trump ha dichiarato il contrario alla stampa e la posizione degli Stati Uniti parrebbe infatti in disaccordo.

“Non siamo disposti a fare affari con Huawei, la nostra idea è totalmente differente. Chi ha rilasciato tali parole, dichiara il falso” afferma Trump.

La delicata situazione implica come sempre le questioni riguardanti la sicurezza nazionale. Huawei resta ferma sulle proprie convinzioni e questo potrebbe far saltare definitivamente qualsiasi tipo di accordo previsto.

Trump ha firmato il divieto tecnologico lo scorso maggio, limitando la commercializzazione tra USA e Cina e colpendo diverse società appartenenti alla Entity List, compresa Huawei.

La vicenda ha fatto scalpore e ha dato il via a notizie virali ritenute catastrofiche, fortunatamente smentite dalla compagnia di Zhengfei.

Durante i prossimi giorni il governo Americano dovrà necessariamente trovare una soluzione definitiva, sistemando la situazione una volta per tutte.

Al momento, chi possiede uno smartphone Huawei non ha nulla di cui preoccuparsi.

image of Patrizia Motta

Patrizia Motta

Patrizia Motta - Ho una passione per la scrittura e nel tempo libero pratico la danza del ventre.

N

TikTok apre la piattaforma di annunci self-service...

TikTok annunci self service

Dopo averla testata con diversi partner del brand durante gli ultimi mesi, TikTok annuncia che la piattaforma di annunci self-service è ora disponibile per tutte le aziende, a livello globale. L’iniziativa è parte dell’opzione TikTok for Business, recentemente lanciata dalla società. Come spiegato da TikTok: “Le soluzioni pubblicitarie self-service di TikTok offrono ai professionisti del […]

Leggi la news >
N

Instagram: ora gli utenti potranno fissare i comme...

Instagram nuovi commenti da fissare in cima

Il social media ha testato per la prima volta la nuova funzionalità a maggio; ora la modifica diverrà effettiva. D’ora in poi infatti, gli utenti potranno fissare fino a tre commenti preferiti in cima ai propri post pubblicati. Come spiegato dal vicepresidente Vishal Shah di Instagram, l’opzione è stata progettata per incoraggiare discussioni civili e […]

Leggi la news >
N

Brand Reputation, il Gruppo Lego è primo in Itali...

Gruppo Lego miglior reputazione

La classifica stilata da “the RepTrack company” per chi ha una migliore Brand Reputation, ha piazzato il Gruppo Lego al primo posto assoluto in Italia e nel mondo, seguito da Ferrari e Disney. Il brand danese è presente nella top ten della classifica da oltre 10 anni; ha scalato la vetta passo dopo passo, raggiungendo […]

Leggi la news >