Sicurezza informatica: nuovi servizi offerti dall'intelligenza artificiale
N

Web

Automazione e intelligenza artificiale: la nuova frontiera della sicurezza informatica

di Domiziana Desantis

clock image2 minuti

ai-0039399

La tecnologia digitale sta cambiando il nostro modo di lavorare. Il numero di dipendenti che accede alle applicazioni di produttività lontano dal luogo di lavoro fisico, cresce costantemente.

Pertanto, il numero di risorse gestite dalle organizzazioni IT interne è in aumento, così come le quantità di dati da esaminare.

Le organizzazioni IT devono necessariamente far fronte ai progressi tecnologici, con l’obbligo di aumentare le misure per la protezione delle attività.

Per far fronte alle nuove sfide di cibersicurezza, nascono innovativi servizi offerti dalle società di settore:

  • consulenza sulla sicurezza;
  • soluzioni di sicurezza di rete / endpoint;
  • diagnostica di sicurezza;
  • gestione delle vulnerabilità;
  • rilevamento delle intrusioni.

I servizi gestiti dall’intelligenza artificiale rappresentano un passo fondamentale nel percorso di pianificazione della sicurezza informatica.

Molte società lavorano con Security Orchestration, Automation and Response (SOAR) e Artificial Intelligence (AI) per eseguire analisi migliori, unitamente alla visibilità delle informazioni sulle minacce.

Come determinare se SOAR e AI vengono utilizzati al massimo del loro potenziale?

SOAR ha l’obiettivo di migliorare significativamente i processi di automazione, al fine di ridurre il numero di attività gestito manualmente dagli operatori, velocizzando la produttività.

L’intelligenza artificiale dovrebbe inoltre verificare le minacce nascoste nei dati non elaborati, per migliorare l’accuratezza del rilevamento.

Il sistema possiede infine il compito di verificare se le minacce persistono o si traducono in violazioni effettive.

Se queste strategie non esistono all’interno della tua organizzazione, prendi in considerazione un aiuto esterno.

Molti Chief Information Security Officer (CISO) si avvalgono dei servizi offerti dagli operatori specializzati in AI.

I Managed Security Service Provider (MSSP) conducono infatti ricerche costanti sulla sicurezza, rispondendo a tattiche, tecniche e procedure (TTP) degli hacker tramite strategie di caccia alla minaccia, analisi del framework e reverse engineering del malware.

La grande portata dell’IoT, dei dispositivi mobili e del traffico di rete, sta crescendo rapidamente.

In questo ambiente IT sempre più complicato, un MSPP dovrebbe rilevare, analizzare, rispondere e recuperare in modo più efficace ed efficiente di prima. Ciò è possibile solo grazie al corretto utilizzo dei sistemi di Security Automation e AI.

image of Domiziana Desantis

Domiziana Desantis

Il potere delle parole mi ha sempre affascinata, tanto che ho fatto della comunicazione la mia professione. Lavoro come Web Content Creator ...

Nessun commento

Commenta

N

Google sfrutterà l’intelligenza artificiale...

Google sfrutta l'intelligenza artificiale per le ricerche con errori ortografici

Durante uno dei suoi ultimi eventi chiamato “Search On”, Google ha annunciato di aver cominciato a sfruttare l’intelligenza artificiale per migliorare le capacità del suo motore di ricerca. A partire dalle prossime settimane sarà introdotto un nuovo algoritmo legato all’ortografia. Questo algoritmo utilizzerà una rete neurale composta da 680 milioni di parametri in grado di […]

Leggi la news >
N

IBM in accordi con ServiceNow per migliorare i ser...

Accordo IBM ServiceNow

IBM ha annunciato di recente di aver ampliato gli accordi presi con ServiceNow per aiutare le aziende a lavorare sfruttando al meglio il potenziale dell’intelligenza artificiale. Verso la fine del 2020, sarà disponibile una soluzione che combinerà i software AI e i servizi professionali di IBM con le capacità di workflow intelligenti e servizi legati […]

Leggi la news >
N

Le imprese richiedono un miglioramento delle infra...

Infrastrutture digitali

Secondo uno studio condotto da Equinix, i fornitori di servizi digitali hanno un grande obiettivo entro il 2023: aumentare la connettività privata di almeno cinque volte rispetto agli standard attuali. Questa esigenza nasce principalmente dal bisogno delle imprese di eliminare una volta per tutte il divario digitale esistente. L’emergenza sanitaria provocata dal COVID-19 ha avuto […]

Leggi la news >