Google Assistant aggiunge nuove funzioni tra cui il controllo della Privacy
Mirko Cuneo Logo

Google Assistant annuncia le nuove funzionalità del 2020

di Patrizia Motta

clock image2 minuti

Google Assistant nuove funzionalità 2020

Google ha recentemente annunciato una serie di interessanti funzionalità per Assistant, interamente finalizzate a migliorare l’esperienza di utilizzo con i dispositivi intelligenti.

La prima novità si chiama “Azioni pianificate” e sarà disponibile entro la fine dell’anno. Lo strumento permetterà di accendere, spegnere, avviare o arrestare i dispositivi intelligenti domestici compatibili.

Non solo, Google supporterà più di venti nuovi dispositivi, tra cui unità AC, depuratori d’aria, vasche da bagno, macchinette per il caffè, aspirapolvere e altro ancora.

Il supporto completo di Assistant verrà inoltre aggiunto alle TV di TCL, HiSense e Samsung, entro la fine dell’anno.

Non resteranno escluse le automobili, come la Volvo XC40 Recharge, equipaggiata con display intelligenti, altoparlanti, cuffie e soundbar prodotte da Acer, Aftershokz, Anker Innovations, Belkin, Cleer, Harman Kardon , Konka, JBL, Lenovo, Philips, Seiki e LG.

Tra le altre funzionalità, la società introdurrà le “Note” per i display intelligenti. Trattasi di note adesive digitali visualizzabili sul display e create tramite Google Assistant:

Sarà inoltre possibile aggiungere contatti tra le opzioni di “Selezione rapida”, per visualizzare velocemente i dettagli. Anche queste funzioni verranno implementate entro la fine dell’anno.

Google cerca costantemente di migliorare la tecnologia vocale, a tal proposito ecco spuntare la lettura “naturale” di contenuti a lunga durata. La nuova esperienza utilizzerà elaborati dati vocali con voci dal suono espressivo e naturale.

Grazie alla nuova tecnologia, potrai chiedere ad Assistant di leggere ad alta voce una pagina web direttamente dal tuo smartphone. Al momento sono supportate 42 lingue.

Per finire, Assistant implementerà due nuovi comandi per controllare le impostazioni della privacy. Tramite il comando: “OK, Google, non era per te”, l’assistente scorderà ciò che avevi pronunciato un attimo prima.

L’insieme d questi nuovi comandi, mostra la seria preoccupazione di Google per ciò che riguarda la privacy degli utenti.

image of Patrizia Motta

Patrizia Motta - Ho una passione per la scrittura e nel tempo libero pratico la danza del ventre.