N

Web

Google annuncia agli utenti Gmail le Dynamic Email dal 2 Luglio

di Patrizia Motta

clock image2 minuti

Google e le dynamic email

Come annunciato recentemente, il prossimo mese Google espanderà l’utilizzo delle Dynamic Email.

Il formato di posta elettronica verrà implementato con nuove funzioni, consentendo ai destinatari di eseguire operazioni come confermare partecipazioni ad eventi e compilare i questionari.

Con Dynamic Email è possibile inoltre visualizzare i commenti ai documenti Google direttamente dalla casella Gmail, senza più ricevere notifiche per ogni singolo avviso.

Il servizio consentirà a grandi aziende come Booking.com di inviare email lavorative riguardanti le prenotazioni alberghiere.

Gli utenti potranno navigare all’interno dell’email stessa, senza necessariamente aprire nuove schede di ricerca.

Anche Pinterest attiverà una funzione apposita per salvare idee direttamente su schede da Gmail.

Google ha annunciato la versione beta di Dynamic (o “AMP per email”) lo scorso marzo; oggi è stato finalmente confermato l’effettivo utilizzo della nuova funzione, che verrà distribuita agli utenti aziendali di G Suite a partire dal 2 luglio.

Come funzionano le email dinamiche

Fino ad ora, i possessori di G Suite potevano decidere se abilitare oppure no la funzione per  gli utenti; dopo il 2 luglio l’e-mail dinamica resterà attiva per impostazione predefinita, a meno che l’amministratore non scelga di disattivarla.

Le aziende attualmente approvate da Google per l’utilizzo di AMP per email includono Booking.com, Despegar, Doodle, Ecwid, Freshworks, Nexxt, OYO Rooms, Pinterest e redBus.

Per frenare il possibile rischio di spam, le società intenzionate ad usufruire di AMP dovranno necessariamente registrarsi su Google prima di poter inviare email dinamiche.

L’e-mail AMP richiede inoltre passaggi obbligatori relativi alla sicurezza e all’autenticazione, come l’autenticazione DKIM (Domain Keys Identified Mail), l’autenticazione SPF (Sender Policy Framework) e l’autenticazione dei messaggi basata su dominio, reporting e conformità (DMARC).

Nel 2016 Google ha introdotto in Gmail nuovi avvisi con il punto interrogativo, che appaiono quando un messaggio non può essere autenticato con SPF o DKIM. Ora è stato già adottato il protocollo DMARC.

Attualmente Chrome, Firefox, Opera e Safari per desktop supportano l’e-mail AMP. Su iOS e Android, solo l’app di Gmail supporta la funzionalità.

image of Patrizia Motta

Patrizia Motta

Patrizia Motta - Ho una passione per la scrittura e nel tempo libero pratico la danza del ventre.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >