N

Web

Google lancia il proprio spazio per sviluppatori in Nigeria

di Patrizia Motta

clock image2 minuti

Google a Lagos

Google ha lanciato il suo primo “Developers Space” a Lagos, precedentemente denominato Google Launchpad Space.

L’intento della società è quello di offrire uno spazio in cui imprenditori, sviluppatori e investitori possano connettersi e collaborare tra loro.

Juliet Ehimuan, Country Director di Google Nigeria, ha dichiarato che lo spazio supporterà con efficacia gli sviluppatori dell’intero continente.

Google si impegnerà a formare 100.000 sviluppatori in tutta l’Africa; ciò spingerà il lavoro dei commercianti anche nel Google Play Store, consentendo agli sviluppatori di guadagnare denaro attraverso le app costruite.

Siamo entusiasti di continuare il nostro viaggio con le comunità africane di startup; attraverso Google Developer Group e Women Techmakers, Google offrirà una formazione in linea con i requisiti professionali necessari nella vita reale.

Ci sono 173 gruppi di sviluppatori Google attivi (GDG) in Africa, che si incontrano e collaborano tramite eventi Meetup di GDG” – afferma la società.

Gli incontri includono approfondimenti su una vasta gamma di argomenti tecnici, supportati da seminari pratici. I GDG ospitano anche i DevFest, ovvero eventi per sviluppatori guidati dalla comunità, incentrati sulla costruzione e sulla conoscenza delle tecnologie di Google.

Ehimuan ha dichiarato che nel 2019, si sono svolti oltre 100 eventi DevFest in tutta l’Africa. Launchpad Accelerator Africa ha lavorato con 47 startup dall’inizio della prima classe, nel 2018.

Le società coinvolte hanno raccolto milioni di dollari in investimenti, creando oltre 900 posti di lavoro in tutto il continente. Finora Launchpad Africa ha aiutato le startup di 17 paesi africani: Algeria, Botswana, Camerun, Costa d’Avorio, Egitto, Etiopia, Ghana, Kenya, Marocco, Nigeria, Ruanda, Senegal, Sudafrica, Tanzania, Tunisia, Uganda e Zimbabwe.

I prossimi incontri avverranno nel nuovo spazio per sviluppatori di Google, a maggio 2020. Il responsabile delle operazioni dell’Accelerator Africa è Onajite Emerhor; ha collaborato con Impact Hub per dare vita allo spazio, con il supporto di un’azienda locale chiamata Spacefinish.

L’ambiente è stato studiato per promuovere la collaborazione e l’innovazione, con startup provenienti da tutto il continente. Google non addebiterà alcun costo per l’uso dello spazio, che, oltre ad ospitare Launchpad Accelerator Africa, supporterà gli incontri tra gli sviluppatori e la loro formazione.

Google vuole potenziare le capacità degli sviluppatori africani attraverso l’apprendimento delle competenze digitali.

Il precedente CEO di Google, Sundar Pichai, cominciò l’impresa nel 2017, avviando il programma Launchpad Accelerator Africa e lanciando uno spazio apposito per supportare i lavoratori in Nigeria.

image of Patrizia Motta

Patrizia Motta

Patrizia Motta - Ho una passione per la scrittura e nel tempo libero pratico la danza del ventre.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

Costruire un rapporto duraturo con i clienti duran...

Rapporto tra imprese e clienti

Il 2020 è stato l’anno della trasformazione e del cambiamento, per moltissime imprese in giro per il mondo. Secondo uno studio condotto da Kantar chiamato ‘Covid-19: What do consumers expect from brands’ il 60% dei consumatori avvertono l’esigenza di diventare più proattivi per tutto ciò che concerne pianificazione e sicurezza nel loro imminente futuro. Non […]

Leggi la news >
N

Aumenta del 23% la pubblicità digitale delle azie...

pubblicità digitale cina

Secondo il report China Media Inflation Trends del 2021, i ricavi sulla comunicazione digitale delle aziende cinesi sono aumentati del 23% durante tutto il 2020, probabilmente merito o causa dell’emergenza sanitaria del COVID-19. Secondo le stime prevista, questa percentuale continuerà a crescere anche nel 2021 e probabilmente aumenterà anche negli anni a venire. I grandi […]

Leggi la news >
N

I consumatori preferiscono contattare le imprese v...

I consumatori contattano le imprese via chat

L’e-commerce è il commercio del futuro. Lo è già da diversi anni, a dire il vero, ma l’emergenza sanitaria ha spinto tantissime persone all’interno delle proprie case, portandole ad acquistare sempre di più online, anche beni di prima necessità. La parola chiave del 2020 è stata trasformazione, sia digitale che strutturale delle imprese, che non […]

Leggi la news >