Google vuole contenuti più pertinenti nella SERP, a favore degli utenti
N

Web

Google testa nuove funzioni per evidenziare i contenuti nella Ricerca

di Patrizia Motta

clock image2 minuti

Google testa nuove funzioni per evidenziare i contenuti nella Ricerca

Google sta testando nuove funzioni per mettere in evidenza sulla SERP i contenuti più pertinenti alla ricerca effettuata.

La società ha confermato la notizia: presto la modifica porterà l’utente che effettua la ricerca dalla pagina dei risultai direttamente ai siti di terze parti.

Google aveva già sperimentato tale funzionalità sui dispositivi mobili, attraverso la cache AMP. Ora la novità verrà testata anche su Chrome per desktop.

Gli utenti potranno quindi visualizzare i contenuti cliccando gli snippet posti in primo piano che appariranno nella ricerca da desktop.

Dopo aver fatto clic, verranno reindirizzati al sito di destinazione, dove Google sposterà la visualizzazione esattamente nella posizione evidenziata in precedenza.

Google utilizzerà inoltre la funzione targetText, per consentire agli utenti di inviare ai propri contatti alcune parti del testo.

Attualmente la società sta testando la modifica sul 5% dei risultati; si attendono eventuali aggiornamenti.

La funzione fu originariamente lanciata nel 2018, esclusivamente per le pagine mobile AMP. Ora Google vuole introdurre la modifica per gli utenti che effettuano le ricerche via Chrome dal desktop. In sostanza, la nuova funzionalità non richiederà più solo contenuti AMP.

In questo modo, gli utenti potranno saltare gli annunci e le call to action precedenti per passare direttamente ai contenuti pertinenti.

I SEO specialist dovranno quindi accertarsi che i siti soddisfino questi requisiti imposti da Google, ricollocando, se necessario, gli annunci e le call to action in posizioni più efficaci.

image of Patrizia Motta

Patrizia Motta

Patrizia Motta - Ho una passione per la scrittura e nel tempo libero pratico la danza del ventre.

Nessun commento

Commenta

N

Google sfrutterà l’intelligenza artificiale...

Google sfrutta l'intelligenza artificiale per le ricerche con errori ortografici

Durante uno dei suoi ultimi eventi chiamato “Search On”, Google ha annunciato di aver cominciato a sfruttare l’intelligenza artificiale per migliorare le capacità del suo motore di ricerca. A partire dalle prossime settimane sarà introdotto un nuovo algoritmo legato all’ortografia. Questo algoritmo utilizzerà una rete neurale composta da 680 milioni di parametri in grado di […]

Leggi la news >
N

IBM in accordi con ServiceNow per migliorare i ser...

Accordo IBM ServiceNow

IBM ha annunciato di recente di aver ampliato gli accordi presi con ServiceNow per aiutare le aziende a lavorare sfruttando al meglio il potenziale dell’intelligenza artificiale. Verso la fine del 2020, sarà disponibile una soluzione che combinerà i software AI e i servizi professionali di IBM con le capacità di workflow intelligenti e servizi legati […]

Leggi la news >
N

Le imprese richiedono un miglioramento delle infra...

Infrastrutture digitali

Secondo uno studio condotto da Equinix, i fornitori di servizi digitali hanno un grande obiettivo entro il 2023: aumentare la connettività privata di almeno cinque volte rispetto agli standard attuali. Questa esigenza nasce principalmente dal bisogno delle imprese di eliminare una volta per tutte il divario digitale esistente. L’emergenza sanitaria provocata dal COVID-19 ha avuto […]

Leggi la news >