N

Social

In che modo i brand possono farsi notare online?

di Luna Saracino

clock image3 minuti

Visibilità dei Brand online

A seguito dell’emergenza sanitaria, gran parte dei brand e delle imprese in giro per il mondo hanno cominciato a spostare il proprio business online.

Per poter sopravvivere nel mare magnum del web, tuttavia, è necessario adottare diverse strategie, anche di marketing e comunicazione, così da poter arrivare in poco tempo a un bacino di utenza via via sempre più vasto.

Occorre affidarsi a professionisti del settore, a social media manager ed esperti di web marketing, che sappiano consigliare ai brand il modo migliore per farsi notare online – e spiccare rispetto ai competitors.

C’è un modo, tuttavia, per poter rimanere sulla cresta dell’onda, e ha a che fare con la creazione di contenuti ad hoc, con la capacità di creare una connessione con i propri utenti, con la lettura accurata dei dati forniti da questi ultimi. Non è un percorso facile e spesso neppure scontato, ma è un buon punto di partenza per poter sopravvivere alla crisi economica cominciata nel 2020.

I brand devono puntare tutto sulla comunicazione online

L’emergenza sanitaria ha rafforzato, in qualche modo, il nostro bisogno di contatto e interazioni umane. Lavorando sempre più da remoto ed evitando quando possibile gli assembramenti in giro per la città, le persone si sono chiuse sempre più all’interno delle loro abitazioni, riducendo sensibilmente le relazioni interpersonali.

Il lavoro delle agenzie di comunicazione, dunque, sarà quello di portare i brand all’interno delle comunità online, spingendoli a instaurare un dialogo dinamico e costruttivo con i propri utenti.

Un modo utile è certamente quello dell’interazione diretta attraverso applicazioni di messaggistica istantanea, ma anche un buon lavoro sui contenuti può sortire un effetto positivo sulle relazioni online. Imparare il linguaggio dei social, in questo senso, è molto utile: capire il proprio target, imparare il loro linguaggio, utilizzare il tono di voce adeguato sono alla base di un contenuto di successo.

Via libera a brand inclusivi e in grado di comunicare con gli utenti

Puntare tutto sul valore, soprattutto etico, di un’azienda è certamente un punto di forza da non sottovalutare. La generazione Z, quella che ormai ha preso piede sempre più nel mondo della comunicazione online, è alla ricerca di brand inclusivi e che puntino alla diversità. Per le imprese, dunque, è fondamentale approfondire questo discorso, anche dal punto di vista della promozione e della comunicazione online.

Comunicare con i clienti, infine, vuol dire anche imparare a leggere i loro dati, a carpire le loro informazioni e dove possibile ad assecondare i loro bisogni. Per poter affrontare al meglio la crisi in corso, le imprese devono ascoltare i propri clienti, così da offrire un prodotto sempre più adeguato alle nuove esigenze.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >