Anche Facebook lotta contro il cambiamento climatico

Anche Facebook lotta contro il cambiamento climatico

di Luna Saracino

clock image3 minuti

Cambiamento Climatico Facebook

Facebook ha intenzione di lanciare sulla sua piattaforma il Climate Science Information Center, con lo scopo di creare una connessione tra le persone e le informazioni scientifiche. Entro il 2030, inoltre, si impegnerà per eliminare le emissioni di carbone di livello “scope 3”, mentre entro la fine del 2020 punterà tutto sull’energia rinnovabile. Nonostante i buoni propositi, però, sembrano ancora lontani i tempi in cui il colosso dei social si impegnerà davvero per impedire le fake news dei negazionisti del cambiamento climatico.

Come funzionerà il Climate Science Information Center

Durante il lockdown provocato dalla pandemia globale, la compagna di Zuckerberg ha cominciato a lavorare su un sistema di comunicazione facilitato per consentire agli utenti di comprendere i dati relativi al clima e ai suoi cambiamenti. Il Climate Science Information Center nasce sulla falsa riga del Centro informazioni per il COVID-19, nato proprio per raccogliere e diffondere informazioni durante l’esplosione del virus. Secondo Facebook, infatti circa due miliardi di persone hanno usufruito delle informazioni riportate sul Centro informazioni per il COVID-19.

All’interno del Climate Science Information Center ci saranno dati e informazioni provenienti da IPCC – Intergovernmental Panel on Climate Change , UNEP – Un Environment Programme, NOAA – National Oceanic and Atmospheric Administration, WMO – World Meteorological Organization e tanti altri. Il lancio avverrà in Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti. Successivamente, dopo i test, saranno effettuati altri lanci nel resto del mondo.

Accedendo alla propria pagina Facebook, gli utenti avranno quindi accesso diretto e semplificato a questo centro informazioni e potranno approfondire il tema leggendo paper, testi e dichiarazioni degli scienziati più affermati del settore.

Lotta alle fake news dei negazionisti del cambiamento climatico

Il bisogno di creare il Climate Science Information Center nasce dall’esigenza di combattere con ogni mezzo la diffusione di fake news relative al surriscaldamento globale. Si stima, infatti, che diverse organizzazioni negazioniste del cambiamento climatico stiano sfruttando la piattaforma per diffondere notizie fuorvianti riguardanti la condizione climatica mondiale. La propaganda delle pseudoscienze ha preso piede, negli ultimi tempi, anche grazie ai social network. Questa pratica deve essere fermata al più presto. Per farlo, è necessario fornire uno strumento di informazione comprensibile, immediato, dalla parte dei lettori.


Secondo una recente comunicazione da parte di Facebook:

Stiamo facendo diversi passi avanti per ridurre le emissioni di carbone di livello “scope 3”, così da ridurre il nostro impatto ambientale e migliorare le condizioni climatiche. Unitamente a questo, forniremo ai nostri utenti gli strumenti necessari per poter interpretare i dati scientifici riguardanti il cambiamento climatico. Lo scopo sarà quello di spingere gli utenti a compiere azioni virtuose verso l’ambiente.

Tu come la pensi a riguardo? Scrivi la tua opinione nei commenti qui sotto!

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a ...

N

Google sotto accusa per concorrenza spietata verso...

Google fa concorrenza spietata ai competitors

Il governo degli Stati Uniti denuncia la divisione Google incentrata sulle ricerche online. L’accusa è di aver attuato una concorrenza spietata verso i competitors per aumentare e proteggere il suo monopolio. Dopo 14 mesi di investigazioni, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta valutando se Google ha virato le ricerche degli utenti verso i […]

Leggi la news >
N

Secondo le previsioni, il 2021 sarà l’anno ...

Previsioni del Content Marketing

Il mondo del marketing e della comunicazione online ha subito un arresto preoccupante, nel 2020. Colpa della pandemia, senza dubbio, perché ha limitato gli investimenti sotto ogni fronte, anche quello commerciale e pubblicitario. Il Content Marketing ha avuto una vita difficile, in questi mesi. Secondo alcune previsioni fatte da PQ Media, azienda leader nel campo […]

Leggi la news >