Facebook Pay e Google Cache: il futuro dei pagamenti digitali inizia da qui
N

Social

Facebook Pay e Google Cache: cosa ci riserva il futuro finanziario?

di Eleonora Truzzi

clock image3 minuti

Facebook Pay e Google Cache sono gli innovativi servizi finanziari del mondo Web. Che fine faranno le banche tradizionali? Cosa dobbiamo aspettarci?

Facebook e Google sono ufficialmente entrati nel mondo dei pagamenti digitali, il settore finanziario è divenuto l’ultima grande frontiera per i colossi tecnologici.

Grazie a questa mossa, entrambe le società potranno diversificare la gamma dei servizi offerti, raccogliendo enormi quantitativi di dati. Ciò significa, in parole povere, che entreranno a 360 gradi nella vita degli utenti.

Come funziona Facebook Pay? Lo strumento può essere utilizzato in tutte le app del gruppo (inclusi Instagram e WhatsApp) per effettuare acquisti o scambiare piccole somme di denaro tra contatti. L’opzione è già disponibile in USA (l’Italia dovrà attendere).

Per utilizzarlo è sufficiente inserire i dati della propria carta di credito e selezionare il metodo di pagamento. Lo storico degli acquisti resta memorizzato nell’app; in caso di problemi è possibile chiedere aiuto all’assistenza in chat.

Facebook Pay semplificherà numerose procedure create appositamente per gli utenti. Pagare tramite l’app, effettuare donazioni e scambiare denaro diverrà un gioco da ragazzi” – spiega Deborah Liu, vicepresidente marketplace & commerce di Facebook.

Tutte le informazioni di pagamento resteranno sicure e protette; Facebook Pay sfrutterà un elaborato sistema crittografato dei dati sensibili, con efficaci attività di monitoraggio anti-frode.”

Lo strumento supporterà un PIN aggiuntivo, i dati biometrici attraverso la rilevazione dell’impronta digitale e il riconoscimento facciale. Facebook Pay collaborerà con Visa, Mastercard e PayPal.

Google Cache è invece il nuovo servizio finanziario di Big G. che verrà lanciato entro la fine del 2020. Sarà gestito da Citigroup e Stanford Federal Unione di Credito.

Funzionerà come un classico conto corrente, con cui sarà possibile effettuare depositi, trasferire soldi e chiedere prestiti. Il tutto avverrà esclusivamente online.

Anche in questo caso, la privacy resta la preoccupazione principale per gli utenti, nonostante le numerose rassicurazioni da parte del portavoce della società.

Con Cache, l’azienda di Mountain View potrebbe infatti avere accesso alle informazioni finanziarie di milioni di utenti sparsi in tutto il mondo.

Facebook e Google non sono i primi colossi tecnologici ad interessarsi al settore finanziario: Apple utilizza da tempo il servizio Apple Pay; Uber ha lanciato Uber Money, un ecosistema digitale finanziario creato per gli autisti.

In Cina, i giganti tecnologici come Alipay e WeChat hanno ormai monopolizzato il sistema finanziario del Paese, trasformandosi nei sistemi di pagamento più utilizzati dagli utenti.

Il mondo finanziario digitale sostituirà definitivamente le banche tradizionali? Al momento la risposta è no. Le società tecnologiche sono interessate al patrimonio informativo (ovvero i dati degli utenti), non alle transazioni in sé.

image of Eleonora Truzzi

Eleonora Truzzi

Eleonora Truzzi - Scrivo contenuti per il blog di Mirko Cuneo.

Nessun commento

Commenta

N

Google sfrutterà l’intelligenza artificiale...

Google sfrutta l'intelligenza artificiale per le ricerche con errori ortografici

Durante uno dei suoi ultimi eventi chiamato “Search On”, Google ha annunciato di aver cominciato a sfruttare l’intelligenza artificiale per migliorare le capacità del suo motore di ricerca. A partire dalle prossime settimane sarà introdotto un nuovo algoritmo legato all’ortografia. Questo algoritmo utilizzerà una rete neurale composta da 680 milioni di parametri in grado di […]

Leggi la news >
N

IBM in accordi con ServiceNow per migliorare i ser...

Accordo IBM ServiceNow

IBM ha annunciato di recente di aver ampliato gli accordi presi con ServiceNow per aiutare le aziende a lavorare sfruttando al meglio il potenziale dell’intelligenza artificiale. Verso la fine del 2020, sarà disponibile una soluzione che combinerà i software AI e i servizi professionali di IBM con le capacità di workflow intelligenti e servizi legati […]

Leggi la news >
N

Le imprese richiedono un miglioramento delle infra...

Infrastrutture digitali

Secondo uno studio condotto da Equinix, i fornitori di servizi digitali hanno un grande obiettivo entro il 2023: aumentare la connettività privata di almeno cinque volte rispetto agli standard attuali. Questa esigenza nasce principalmente dal bisogno delle imprese di eliminare una volta per tutte il divario digitale esistente. L’emergenza sanitaria provocata dal COVID-19 ha avuto […]

Leggi la news >