Il fallimento delle app di tracciamento Covid

Il fallimento delle app di tracciamento Covid

di Luna Saracino

clock image3 minuti

Il fallimento delle app di tracciamento covid

Tanto rumore per nulla. Le applicazioni per smartphone progettate per tracciare i positivi al Covid non stanno ottenendo il successo sperato.

Secondo le stime, infatti, soltanto il 7% degli italiano sopra i 14 anni avrebbe scaricato Immuni e stando ai dati raccolti da Sensor Tower solo il 9% dei cittadini nel mondo avrebbe installato un’app di tracciamento sul proprio smartphone. Un dato sconcertante che rischia di rendere vani i mesi di lavoro degli sviluppatori di tutto il mondo. Sì, perché se una percentuale così bassa di persone scarica e utilizza l’applicazione, è praticamente impossibile effettuare un tracciamento sicuro.

I dati di Sensor Tower riguardano tutti i Paesi (tredici in tutto) che contano oltre 20 milioni di abitanti, paesi in cui il governo del posto ha consigliato lo scaricamento dell’app.

L’Italia a metà strada, con il 7% di scaricamenti

I tredici paesi presi in esame da Sensor Tower contano circa 2 miliardi di persone. Se i dati sono corretti, quindi, solo 173 milioni di persone, nel mondo, hanno scaricato e stanno effettivamente utilizzando le app per il tracciamento dei contagi da Covid. Certo, ci sono paesi in cui un numero importante di persone ha scaricato l’app e quindi è consentito un tracciamento, ma ci sono anche paesi in cui il numero di scaricamenti non basta a fare un calcolo ragionevole dei contagi (in modo tale da prevenirli). L’Italia, nel computo finale, si trova nel mezzo.

Quanta gente ha scaricato le app nel mondo?

La grande eccezione è rappresentata dall’Australia: la sua app, COVIDSafe, disponibile per lo scaricamento già dal 26 aprile, è stata installata da 4.5 milioni di persone, praticamente il 21.6% della popolazione. Un australiano su cinque, circa.

Al secondo posto c’è l’app turca, Hayat Eve Sıgar, installata dal 17.3% dei cittadini (circa 11 milioni di persone).

Al terzo posto, invece, l’app tedesca Corona-Warn-App, scaricata dal 14.4% dei cittadini.

Poi c’è, come abbiamo detto, Immuni, con un 7% di scaricamenti, e ancora Perù (6.8%), Giappone (5%), Arabia Saudita (4.9%), Francia (3.1%) e Indonesia (2.3%). Non arrivano all’1% paesi come Thailandia, Vietnam e Filippine.

Nessuno degli sviluppatori si aspettava un successo planetario, ma il problema è un altro: se non aumentano gli scaricamenti delle applicazioni in poco tempo, sarà pressoché impossibile tenere traccia dei contagi in modo fluido e corretto.

Sono numeri (bassi) che preoccupano e fanno pensare, soprattutto considerando che la pandemia non è alle nostre spalle ma ci siamo ancora in mezzo. C’è chi ha dato la colpa alla paura di una violazione della privacy e della propria libertà, ma la verità è un’altra: crediamo di essere tutti immuni fino a che non siamo i primi ad ammalarci.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a ...