N

Social

Il fallimento delle app di tracciamento Covid

di Luna Saracino

clock image3 minuti

Tanto rumore per nulla. Le applicazioni per smartphone progettate per tracciare i positivi al Covid non stanno ottenendo il successo sperato.

Secondo le stime, infatti, soltanto il 7% degli italiano sopra i 14 anni avrebbe scaricato Immuni e stando ai dati raccolti da Sensor Tower solo il 9% dei cittadini nel mondo avrebbe installato un’app di tracciamento sul proprio smartphone. Un dato sconcertante che rischia di rendere vani i mesi di lavoro degli sviluppatori di tutto il mondo. Sì, perché se una percentuale così bassa di persone scarica e utilizza l’applicazione, è praticamente impossibile effettuare un tracciamento sicuro.

I dati di Sensor Tower riguardano tutti i Paesi (tredici in tutto) che contano oltre 20 milioni di abitanti, paesi in cui il governo del posto ha consigliato lo scaricamento dell’app.

L’Italia a metà strada, con il 7% di scaricamenti

I tredici paesi presi in esame da Sensor Tower contano circa 2 miliardi di persone. Se i dati sono corretti, quindi, solo 173 milioni di persone, nel mondo, hanno scaricato e stanno effettivamente utilizzando le app per il tracciamento dei contagi da Covid. Certo, ci sono paesi in cui un numero importante di persone ha scaricato l’app e quindi è consentito un tracciamento, ma ci sono anche paesi in cui il numero di scaricamenti non basta a fare un calcolo ragionevole dei contagi (in modo tale da prevenirli). L’Italia, nel computo finale, si trova nel mezzo.

Quanta gente ha scaricato le app nel mondo?

La grande eccezione è rappresentata dall’Australia: la sua app, COVIDSafe, disponibile per lo scaricamento già dal 26 aprile, è stata installata da 4.5 milioni di persone, praticamente il 21.6% della popolazione. Un australiano su cinque, circa.

Al secondo posto c’è l’app turca, Hayat Eve Sıgar, installata dal 17.3% dei cittadini (circa 11 milioni di persone).

Al terzo posto, invece, l’app tedesca Corona-Warn-App, scaricata dal 14.4% dei cittadini.

Poi c’è, come abbiamo detto, Immuni, con un 7% di scaricamenti, e ancora Perù (6.8%), Giappone (5%), Arabia Saudita (4.9%), Francia (3.1%) e Indonesia (2.3%). Non arrivano all’1% paesi come Thailandia, Vietnam e Filippine.

Nessuno degli sviluppatori si aspettava un successo planetario, ma il problema è un altro: se non aumentano gli scaricamenti delle applicazioni in poco tempo, sarà pressoché impossibile tenere traccia dei contagi in modo fluido e corretto.

Sono numeri (bassi) che preoccupano e fanno pensare, soprattutto considerando che la pandemia non è alle nostre spalle ma ci siamo ancora in mezzo. C’è chi ha dato la colpa alla paura di una violazione della privacy e della propria libertà, ma la verità è un’altra: crediamo di essere tutti immuni fino a che non siamo i primi ad ammalarci.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

La grammatica del nuovo mondo nel libro di Filippo...

50 parole chiave ordinate alfabeticamente a partire da 50 racconti di cronaca: premessa-testamento del filosofo Salvatore Veca, scomparso il 7 ottobre 2021. Radicale come la prima, la seconda, la terza e la quarta rivoluzione industriale. È la rivoluzione universale del covid, quella che ha cambiato per sempre la nostra vita. Non solo, dunque, una tragica […]

Leggi la news >
N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >