Indicizzare sito su Google e avere subito più risultati con la tua attività

Indicizzare il tuo sito su Google porta sicuri vantaggi ai tuoi affari

Se ti dico le parole “indicizzare sito su Google” qual è la prima cosa che ti viene in mente?

Presumo che la prima immagine che ti si palesa davanti agli occhi sia il logo colorato del motore di ricerca più famoso al mondo. Certo è normale, perché tra le parole che ti ho citato, quella che ti è più famigliare è proprio Google.

Forse crea un po’ più di confusione la parola “indicizzare”, anche se sono sicuro che questo termine l’hai sentito varie volte, soprattutto se hai un sito web o un e-commerce.

Indicizzare il tuo sito su Google ti permette di essere effettivamente presente sul web e poi di lavorare sul posizionamento delle tue pagine online. Così potrai aumentare il traffico di ricerca organico del tuo sito. Questo è fondamentale per la crescita della tua attività.

Insomma, dal 33% al 64% del traffico sui siti web è proprio attribuito alla ricerca organica, ovvero alle ricerche per parole chiave che gli utenti effettuano su Google.

Sono riuscito a creare in te un po’ di curiosità su questo argomento?

Bene! Allora, facciamo un piccolo passo indietro e andiamo per gradi.

In questo articolo troverai risposta alle seguenti domande:

  1. Perché devo indicizzare il mio sito su Google?
  2. Come faccio a sapere se il mio sito è indicizzato su Google?
  3. Come indicizzo il mio sito si Google?
  4. Quanto tempo impiega Google per indicizzare una nuova pagina?
  5. Qual è la differenza tra indicizzazione e posizionamento?
  6. A cosa serve una strategia di Content Marketing?

Se anche tu ti poni una o tutte queste domande ti invito a continuare la lettura per avere finalmente le risposte e un’idea della presenza sul web della tua azienda.

Cercherò di essere il più semplice possibile per rendere tutto quanto più immediato e chiaro, sei pronto?

Perfetto, iniziamo!

1. Perché devo indicizzare il mio sito su Google?

Google vede tutto e sa tutto.

Di solito tutte le pagine presenti sul web si ritrovano ad essere presenti tra i risultati di ricerca. A volte, però, anche a Google capita di non svolgere in maniera tempestiva il proprio lavoro e si perde alcune nuove informazioni.

Ti ritrovi anche tu in questa situazione?

Ovvero, non riesci a trovare il tuo sito nel motore di ricerca o non hai il traffico che vorresti?

Perfetto! Cioè, la tua situazione è da risolvere ma sei proprio nel posto giusto.

Devi scoprire come indicizzare il tuo sito su Google per raggiungere gli utenti e aumentare le tue visite.

Infatti, essere indicizzato sul motore di ricerca significa che il tuo sito è presente il Rete e, di conseguenza, si apre per te la possibilità di posizionare le tue pagine possibilmente tra i primi risultati.

Se non ti è chiara la differenza tra indicizzazione e posizionamento continua a leggere perché più avanti troverai la risposta anche a questa domanda.

Intanto, torniamo a noi.

Quindi, perché è importante indicizzare un sito su Google?

Adesso credo che la risposta sia ovvia: se vuoi che il tuo sito web venga visualizzato nel motore di ricerca, devi assolutamente indicizzarlo. Quindi, innanzitutto il tuo sito web deve essere presente su Google e poi deve trovare posto tra le prime posizioni.

Cosa succede se non accade tutto questo?

La risposta è altrettanto ovvia.

Se nessuno sa che ci sei, per te è come non esistere.

Nessuna visita, zero traffico, niente lead, nessuno che si trasforma in cliente, quindi nessuna vendita o guadagno.

Io non vorrei mai essere in una situazione del genere e scommetto che non lo vuoi nemmeno tu, perciò passiamo al punto successivo.

2. Come faccio a sapere se il mio sito è indicizzato su Google?

A meno che tu non debba ancora costruirlo, probabilmente il tuo sito web è già indicizzato su Google.

Però, se ne vuoi avere la certezza adesso ti dico come fare a scoprirlo.

Per verificare se il tuo è indicizzato, il modo più semplice è digitare nella barra di ricerca di Google site:ilnomedeltuosito.

Ti faccio un esempio concreto. Per cercare il mio blog devo scrivere site:mirkocuneo.it.

indicizzare sito su google
Come scoprire se il tuo sito è indicizzato su Google

Nel tuo caso è sufficiente sostituire il nome del tuo sito al posto di mirkocuneo.it.

Se hai trovato il tuo sito nel motore di ricerca è già un buon punto di partenza, ma il lavoro non è affatto finito. Ci sono dei margini di miglioramento e li vedremo nei prossimi paragrafi.

3. Come indicizzo il mio sito su Google?

Per indicizzare un sito su Google non devi fare chissà quali procedure, nella maggior parte dei casi è Google che fa tutto per conto proprio.

Ovviamente ci sono dei trucchi, o meglio delle buone pratiche strategiche da seguire per fare in modo di restringere i tempi di indicizzazione.

Insomma, puoi aiutare Google a velocizzare l’indicizzazione del tuo sito.

Come?

Ecco due modi che puoi mettere in pratica subito:

1. Creare una Sitemap

È Google stesso a mettere a disposizione questo strumento che permette di creare una struttura logica di tutto il proprio sito – soprattutto se le pagine sono tante – in modo che la scansione da parte degli spider di Google sia più veloce.

Per semplificare: pensa a quando leggi un libro, è semplice perché le pagine sono tutte in fila e la storia prosegue lineare (anche se poi dipende dal libro).

Pensa, invece, se le tue pagine non seguissero l’ordine corretto, ma fossero “alla rinfusa”, faresti molta più fatica a leggere perché dovresti prima metterle in ordine.

Ecco, la Sitemap dà proprio l’ordine corretto di lettura.

2. Segnala manualmente a Google il tuo sito

Puoi risolvere il problema di indicizzazione del tuo sito direttamente sulla Google Search Console. Inserisci l’url del tuo sito in questo strumento gratuito e richiedi l’indicizzazione.

Se tieni presente questi accorgimenti non avrai problemi con l’indicizzazione del tuo sito e se per caso dovessi avere ancora dei dubbi contattami senza problemi.

Intanto, vediamo quali sono le tempistiche di indicizzazione.

4. Quanto tempo impiega Google per indicizzare una nuova pagina?

Partiamo dal presupposto che c’è differenza tra un sito appena creato ed uno già avviato. In ogni caso non si possono dare delle tempistiche certe sull’indicizzazione. Anche perché l’Algoritmo di Google subisce continue modifiche e le cose potrebbero cambiare da un giorno all’altro.

In generale, la tua pagina web dovrà aspettare il passaggio e la scansione del Googlebot: in alcuni casi ci può mettere anche diversi giorni o alcune settimane.

Ma se segui le tecniche che ti ho scritto nel paragrafo precedente puoi restringere i tempi e l’indicizzazione del tuo sito può avvenire anche in poche ore.

Attenzione, ti ricordo che ancora più importante dell’indicizzazione è il posizionamento del tuo sito nella SERP di Google, a cui dovrai lavorare utilizzando le tecniche SEO.

E adesso, finalmente, vediamo bene la differenza tra indicizzazione e posizionamento.

5. Qual è la differenza tra indicizzazione e posizionamento?

Ecco che arriviamo al nocciolo della questione che confonde spesso le idee.

Indicizzazione e posizionamento sono due termini che spesso vengono usati come sostituti l’uno dell’altro, ma in realtà si riferiscono a due cose ben diverse.

L’indicizzazione, come ti ho spiegato anche prima, è la presenza del tuo sito web o del tuo e-commerce all’interno della Rete. Vuol dire che Google si è accorto che ci sei anche tu, quindi potenzialmente puoi essere trovato.

Il posizionamento è il posto che occupi tra i risultati di ricerca. Quindi, per avere un buon posizionamento devi almeno essere in prima pagina su Google, ancora meglio se nelle prime posizioni.

indicizzazione sito su google
La differenza tra Indicizzazione e Posizionamento su Google

È questo che ti permette di essere intercettato dagli utenti, di portare traffico al tuo sito, di conquistare i lead e convertirli in clienti.

Diciamo che è il percorso-tipo a grandi linee, perché poi ci sono un sacco di variabili, di accorgimenti di cui tenere conto e di strategie da seguire. Si apre tutto quel mondo conosciuto come SEO (Search Engine Optimization).

Utilizzando efficacemente le tecniche SEO potrai incrementare notevolmente il numero dei tuoi visitatori, ma sono davvero molte le cose che devi tenere in considerazione. Per essere posizionato, il tuo sito web deve “piacere” a Google, quindi rispondere alle sue prerogative.

Google sta puntando sempre di più a soddisfare le esigenze degli utenti, quindi premia i siti che hanno contenuti di qualità e originali. Oltre che una struttura specifica e l’ottimizzazione lato SEO.

Avere dei contenuti validi e scritti nel modo giusto, influisce davvero tanto sulla possibilità di vedere il tuo sito web posizionato. Tu hai mai prestato la giusta attenzione al Content Marketing?

Se la risposta è no, scopri perché dovresti; se la risposta è sì, scopri se quello che fai funziona davvero.

6. A cosa serve una strategia di Content Marketing?

Ti rassicuro subito sul fatto che avere una strategia di Content Marketing è fondamentale per avere successo sul web.

Lo so, avere dei contenuti di qualità non è una cosa semplice, richiede molto lavoro e impegno. Però non puoi farne a meno se vuoi che le tue pagine web vengano rilevate e posizionate da Google.

Devi lavorare facendo prima una ricerca di parole chiave, ovvero quelle che digitano gli utenti in Rete, e devi fare in modo che siano coerenti con gli argomenti che tratti tu.

Sono molte le aziende che stanno investendo su pianificate strategie di content marketing e di blogging, perché questo porta molteplici vantaggi ad ogni attività.

indicizzare sito su google
L’importanza di scrivere contenuti di qualità e avere una strategia di Content Marketing.

Infatti, contenuti di qualità favoriscono sia indicizzazione e posizionamento sul motore di ricerca, sia l’immagine che gli utenti si fanno su di te. Se ti dimostri un esperto nel tuo settore, se trovi il metodo di comunicazione giusto e se fornisci le informazioni che le persone cercano, allora gran parte del gioco è fatto.

Studi recenti hanno rilevato che le aziende che hanno un blog e che pubblicano contenuti ben studiati e con cadenza regolare, hanno circa 4,5 lead in più rispetto alle altre aziende. Ovviamente il paragone non può essere fatto con i big del settore, ma tra aziende che hanno più o meno le medesime dimensioni.

Maggiore è il contenuto di alta qualità, maggiore sarà la possibilità di generare link in entrata, condivisioni e, di conseguenza, maggiore autorità per il tuo sito.

E se non lo fai cosa succede?

Le opzioni possono essere molteplici, ma sicuramente se lasci spazio ai tuoi concorrenti loro se lo prenderanno. La concorrenza è lì che aspetta di poter essere più visibile di te per ottenere anche i clienti che dovrebbero essere tuoi.

Vuoi continuare a permetterglielo?

Tiriamo le fila…

Se vuoi ottenere maggiori risultati con la tua attività, allora il tuo sito web deve essere prima indicizzato su Google e poi posizionato tra i primi risultati di ricerca.

L’autorità del tuo sito viene fortemente influenzata da:

  • Quantità di traffico che genera il tuo sito;
  • Numero di link in entrata che puntano al tuo sito;
  • Pertinenza e importanza di questi link.

Per lavorare su questi punti devi mettere in atto una strategia ben pianificata, altrimenti il tuo impegno sarà inutile perché gli utenti non ti intercetteranno mai.

E nel momento in cui ti trovano devi offrire loro le motivazioni per rimanere, quindi offerte valide e informazioni competenti.

In poche parole: fatti trovare e poi soddisfa al meglio le loro necessità.

Oltre alle informazioni che ti ho fornito ci sono molte altre cose che dovresti sapere. Nel mio blog puoi trovare altri articoli, suddivisi per categoria, che meritano la tua attenzione e che ti possono essere davvero utili per sapere di più su come dare vantaggio alla tua attività.

È adesso il momento di agire!

Contattami se vuoi altre informazioni più specifiche per la tua attività. Possiamo parlarne insieme e adattare ogni strategia alle tue necessità.

Potrebbe piacerti anche