Instagram Reels: arriva il “TikTok” della famiglia Facebook

Instagram Reels: arriva il “TikTok” della famiglia Facebook

di Domiziana Desantis

clock image3 minuti

instagram reels-tiktok-header

TikTok è diventata in poco tempo una delle applicazioni per smartphone più utilizzate in tutto il mondo. Però, le notizie riguardanti la sua privacy non proprio sicura hanno fatto fare marcia indietro a tantissimi utenti e alcuni paesi hanno già preso le distanze. In India, infatti, l’app è stata vietata proprio a causa della sua scarsa sicurezza e gli USA stanno valutando altrettanto.

Davanti a questo scenario, Facebook non è rimasto a guardare: nelle prossime settimane, infatti, potrebbe arrivare un’estensione di Instagram chiamata Instagram Reels, una feature che permette agli utenti di registrare brevi video da 15 secondi che è possibile montare e corredare di colonna sonora ad hoc. Proprio come TikTok.

Cos’è e come funziona TikTok

Complice, forse, la quarantena per fare fronte all’emergenza sanitaria del Coronavirus, le piattaforme social hanno avuto un’impennata di iscritti e utilizzi, nel corso degli ultimi mesi. Affianco ai soliti noti del gruppo Zuckerberg (Facebook, Instagram, Messenger, Whatsapp), spunta un altrettanto noto ma ancora poco conosciuto in Italia: TikTok, già Musical.ly, degno erede del defunto Vine.

L’applicazione cinese ormai diffusa in tutto il mondo è molto semplice da usare: create un account e vi apparirà una schermata “social” molto simile alle altre, con tanto di nickname, foto profilo e feed con i video che caricherai. Come ogni social che si rispetti, c’è una pagina dedicata al tuo profilo e una dedicata alla tua “home”, che contiene tutte le persone che segui e ti permette di visualizzare i loro video caricati.

Fare video con TikTok è ancora più semplice: potete scegliere un video già realizzato o girarne uno nuovo. Poi, la parte più interessante di TikTok è la scelta della musica. Puoi scorrere tra le categorie proposte o scegliere un brano preferito. Infine, il “montaggio”: sei tu che scegli la lunghezza del brano, se dividere le clip in parti diverse o se aumentare o diminuire la velocità di riproduzione. Al video, poi, sarà possibile aggiungere effetti e filtri a scelta tra i mille proposti dall’applicazione.

Instagram Reels non teme rivali

Stando a quanto dichiarato da Nbc News, Instagram Reels ha tutte le intenzioni di prendere il posto dell’app più famosa del 2020, provando ad accaparrarsi almeno quei territori in cui l’applicazione cinese è stata messa al bando per via di questa (in)sicurezza sulla privacy. Ma non solo: Instagram Reels, infatti, arriverà anche in Giappone, Messico, Italia e 50 altri paesi in giro per il mondo.

Come hai dichiarato di recente uno dei portavoci di Facebook:

Siamo entusiasti di portare Reels anche in altri Paesi a partire dall’inizio di agosto. Nei Paesi in cui è stato testato, la community ha davvero mostrato tanta creatività nella realizzazione di questi brevi video, e abbiamo avuto modo di capire da creator e persone da tutto il mondo che anche loro sono impazienti di provarlo”.

Instagram Reels non teme rivali, dunque. Anzi, il suo rivale numero uno. E in questo modo gli influencer non dovranno spostarsi su un’altra piattaforma per creare questo tipo di contenuti, ma premere un semplice tasto e realizzare “mini video musicali” direttamente su Instagram.

image of Domiziana Desantis

Domiziana Desantis

Il potere delle parole mi ha sempre affascinata, tanto che ho fatto della comunicazione la mia professione. Lavoro come Web Content Creator ...

N

Le tendenze che domineranno la trasformazione digi...

Key Trend

Frost & Sullivan è un’azienda specializzata in business consulting, ricerche e analisi di mercato con sede a Mountain View, in California, e vanta 40 uffici sparsi per i 6 continenti. In uno dei suoi ultimi report, The Reshaping of Industries Caused by COVID-19, sono emersi 9 interessanti Key Trend durante questa emergenza sanitaria. La parola […]

Leggi la news >
N

Google sotto accusa per concorrenza spietata verso...

Google fa concorrenza spietata ai competitors

Il governo degli Stati Uniti denuncia la divisione Google incentrata sulle ricerche online. L’accusa è di aver attuato una concorrenza spietata verso i competitors per aumentare e proteggere il suo monopolio. Dopo 14 mesi di investigazioni, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta valutando se Google ha virato le ricerche degli utenti verso i […]

Leggi la news >