Toshiba dice addio al mondo dei computer

di Giuseppe Tavera

clock image3 minuti

Toshiba dice addio al mondo dei computer

Toshiba Corporation, multinazionale giapponese nonché azienda leader dell’elettronica mondiale, sta per abbandonare ufficialmente il mondo dei computer. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, sembra che l’azienda con sede a Minato, Tokyo, abbia ceduto le sue ultime quote del suo marchio di computer (Dynabook dal 2019) alla multinazionale elettronica giapponese Sharp. In questo modo, Toshiba dice addio al mondo dei computer, sia portatili che fissi.

Toshiba: azienda leader già negli anni Ottanta

Sharp aveva già acquisito le prime quote di Toshiba nel 2018, ottenendole da Foxconn, che a sua volta le aveva ottenute da Toshiba nel 2016. Così facendo, Toshiba ha definitivamente messo un punto su quello che era un rapporto che durava da più di 35 anni. E dire che agli inizi, Toshiba era sinonimo di altissima qualità a prezzi contenuti. Il portatile Toshiba T1100, uscito nel 1985, è stato il primo portatile mainstream della storia, quello più amato, più acquistato, più diffuso in assoluto. Alla fine degli anni Ottanta, era proprio Toshiba a dettare le regole, sia sull’estetica che sulla performance. Almeno fino al 1991, quando la Apple lanciò il suo Powerbook. La Apple, però, non riuscì a frenare Toshiba, che per tutti gli anni Novanta e Duemila è riuscita a tenere testa a tutti i suoi competitor, mettendo in commercio ogni volta un computer migliore del precedente, sempre più snello, più funzionale, più performante.

Le ragioni della crisi

Come mai, allora, un’azienda così avviata e ben piazzata nel suo marcato di riferimento non è riuscita a reggere il colpo? Forse una ragione c’è, e va rintracciata nella produzione – da parte di Toshiba – di computer portatili incentrati unicamente sulla tecnologia HD DVD, a poca distanza dall’introduzione dei Blu-Ray (che ha reso, di fatto, questa mossa completamente fallimentare). A questo si aggiunge la concorrenza spietata di aziende come Dell, Apple, Lenovo, veri e propri punti di riferimento nel mercato moderno dei computer portatili (con il miglior rapporto qualità/prezzo).

Come se non bastasse, il mercato dei PC è in oggettiva crisi e anche un colosso come Toshiba rischia di rimanere schiacciato.

Toshiba dice addio ai PC, ma Dynabook non sparirà

Nonostante Toshiba esca di scena nel mondo dei personal computer, il suo nome rimane ai primi posti nel mondo dell’informatica e della tecnologia, soprattutto se si tratta di stampa e archiviazione (Toshiba è molto inserita anche in settori come quello energetico o della vendita al dettaglio).

Il marchio di Toshiba per PC, Dynabook, non sparirà, tuttavia, Sharp lo manterrà comunque. Anche se Toshiba non uscirà completamente di scena nel mondo dell’elettronica e della tecnologia, dispiace un po’ sapere che uno dei marchi leader del mondo dei PC sia sparito per sempre.

image of giusetavera

Giuseppe Tavera

Giuseppe Tavera - Apprendista influencer. Vecchio sardo brontolone, mi occupo di sviluppo web e blogging per Nextre Engineering e il blog di Mirko Cuneo. Scrivo da quando si spammava su MySpace.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >