N

Social

Twitch sotto attacco: i giocatori non pagano i diritti dei brani

di Luna Saracino

clock image3 minuti

twitch paghi i diritti d'autore

Jeff Bezos non può tirare mai un sospiro di sollievo. Il proprietario del colosso e-commerce Amazon, nel 2014 ha assorbito anche Twitch alle sue piattaforme. Si tratta di un social network basato sullo streaming degli utenti, molto in voga soprattutto tra i videogiocatori, che solitamente trasmettono in diretta le loro partite migliori (e contemporaneamente dialogano con i loro followers). Il fatto che Twitch sia finito nel mirino non è una novità, ma questa volta il problema è causato dalla pandemia globale.

Boom di visualizzazioni durante il lockdown

Facciamo un passo indietro. Durante il lockdown, come è facile intuire, c’è stato un boom di live streaming su tutti i social possibili. Se Facebook e Instagram hanno riscontrato un aumento considerevole delle trasmissioni live a tutte le ore, figuratevi cosa dev’essere stato Twitch da Aprile a Giugno 2020. Fin qui, tutto nella norma, se non fosse che molti utenti e “streamer” di Twitch facciano da sempre largo uso di brani musicali come sottofondo (non tutti in Creative Common o Royalty Free – cioè liberi da diritti e utilizzabili senza richiedere copyright).

Per questa ragione, la Artists Rights Alliance, organizzazione no profit che si occupa della difesa dei diritti dei cantanti e artisti americani, ha scritto e reso pubblica una lettera aperta e diretta a Jeff Bezos. Nella lettera viene fuori che Bezos, durante un’audizione parlamentare in USA il 2 Agosto 2020, ha ammesso di non sapere esattamente se i brani utilizzati dagli utenti siano effettivamente “liberi” o protetti da copyright. Dal punto di vista degli artisti, questa leggerezza è aggravata dal boom di visualizzazioni della piattaforma durante il lockdown: si stima, infatti, che l’utilizzo di Twitch nel secondo trimestre del 2020 sia aumentato dell’83% rispetto allo stesso trimestre nel 2019. Miliardi, letteralmente, di visualizzazioni che si sarebbero potute trasformare in diritti per buona parte degli artisti “lesi” da questa pratica sottesa che ormai da anni imperversa nel mondo di Twitch.

Gli artisti chiedono il pagamento dei diritti d’autore

La richiesta della Artists Rights Alliance è molto chiara, quindi, e spinge da un lato Bezos a controllare maggiormente l’utilizzo delle musiche all’interno della sua piattaforma e dall’altro, ovviamente, ad avere un maggior controllo delle azioni dei suoi utenti, così da limitare l’utilizzo di brani protetti da copyright. Se proprio questo risulta impossibile, il desiderio dell’associazione no-profit americana è quello di far sì che Bezos si assuma le responsabilità del caso e paghi i diritti dei brani utilizzati dai suoi utenti.

Vero è che Twitch in generale non ha mai concesso la libertà di violare i diritti d’autore all’interno della sua piattaforma: gli utenti, infatti, hanno fino a tre avvisi da scontare, se beccati a violare qualche diritto, allo scadere dei quali sono bannati definitivamente dal social network. Gli avvisi e le penalità, però, non è sufficiente, perché escluderebbe ancora una volta il pagamento dei diritti d’autore (che sono, appunto, un diritto per tutti gli artisti). Soprattutto considerando che gli utenti guadagnano grazie a Twitch, spesso alle spalle dei compositori.

image of lunasara

Luna Saracino

Scrittrice per passione, lavoro ed esigenza, ho capito che riuscivo a esprimermi su carta più che a voce da piccolina, quando ho chiesto a mia madre un diario segreto al posto della Barbie di tendenza. Ho scritto il mio primo racconto a 12 anni e ne ho pubblicato un altro a 16. Da allora, tra alti e bassi, ho sperimentato tutte le vie della scrittura che ho trovato lungo la mia strada. Oggi mi occupo di storytelling, project management, copywriting e sceneggiatura. E quel viaggio nel mondo della scrittura che ho iniziato da bambina mi pare di averlo appena cominciato.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >
N

Come migliorare il proprio e-commerce nel 2021?

Migliorare il proprio e-commerce nel 2021

La pandemia ha spostato il commercio principalmente online, spingendo moltissime aziende a cambiare completamente le proprie abitudini di vendita. La maggior parte dei brand, oggi, ha un proprio store online a conferma che il settore degli e-commerce sta diventando ogni giorno più popolare. Il motivo è piuttosto semplice: i tempi in cui viviamo sono assai […]

Leggi la news >