Fase 2 e PMI: riaprire dopo il lockdown costerà caro. Come si procederà?

di Eleonora Truzzi

clock image2 minuti

PMI durante la fase 2

La Fase 2 del Coronavirus sta per cominciare; Giuseppe Izzo, Responsabile del Piano di Coordinamento nazionale ES.A.AR.CO, guiderà la task force per la sicurezza sul lavoro nelle PMI.

“Rispettare le norme e renderle fattibili è fondamentale. Ogni azienda è caratterizzata da specifiche differenti, con esigenze diverse.

I nostri esperti eseguono valutazioni accurate, consigliando i migliori DPI per i dipendenti, gli impianti di aspirazione e condizionamento per evitare la diffusione del virus.

Gli imprenditori non possono svolgere da soli questi compiti; è necessaria la presenza di professionisti specifici, in grado di garantire una ripartenza sicura per i dipendenti e per le loro famiglie” – Sottolinea Izzo.

Il D.Lgs. 81/2008 affida la sicurezza sul lavoro ai tecnici specializzati, chiamati R.S.P.P.

Procedure come l’adeguamento del documento della valutazione dei rischi a firma del datore di lavoro, del medico competente e del tecnico R.S.P.P. sono assolutamente necessarie per riaprire in sicurezza.

Cosa significa? Le PMI dovranno sostenere un costo variabile. proporzionato alle dimensioni dell’azienda, per soddisfare le esigenze tecniche, normative e sanitarie necessarie.

Il costo medio per sostenere le verifiche sanitarie, ammonterà a circa 3000 € per azienda.

“Le PMI italiane dovranno inoltre mettere in conto costi aggiuntivi, a cadenza mensile, per l’acquisto dei dispositivi necessari.

Serviranno elevate quantità di mascherine chirurgiche; da sole costeranno circa 700€ al mese.

L’emergenza Covid-19 non ha azzerato la burocrazia, al contrario! I costi per rispettare i protocolli sanitari aggravano una situazione già critica per le nostre PMI” – Aggiunge Izzo.

Per aiutare le imprese in fase di riapertura, ES.A.AR.CO. ha messo gratuitamente a disposizione 5000 professionisti in tutto il Paese. Gli elenchi dei volontari sono già stati comunicati a Inps e Inail e sono in continuo aggiornamento.

“La sicurezza del lavoro durante la Fase 2 è di vitale importanza, ne va del futuro dei cittadini. Non possiamo permetterci di sbagliare, tutto deve essere controllato nei minimi dettagli” – Conclude Izzo.

image of Eleonora Truzzi

Eleonora Truzzi

Eleonora Truzzi - Scrivo contenuti per il blog di Mirko Cuneo.

Leggi altro

Nessun commento

Commenta

N

L’esperienza multicanale richiede un nuovo a...

Esperienza multicanale e vendite

Il settore delle vendite è in continua trasformazione. Quello che però sembra non cambiare come dovrebbe è l’approccio delle imprese a questo tipo di trasformazione. Se le vendite cambiano, devono cambiare anche i venditori e con loro le tecniche di vendita. Lo spostamento del mercato completamente online potrebbe far morire a breve il concetto di […]

Leggi la news >
N

L’impatto dell’e-commerce nelle piccol...

e-commerce e piccole imprese

È passato un anno esatto dall’esplosione della pandemia e ad oggi possiamo certamente dire che quello che ci rimane – e che probabilmente ci porteremo dietro – è un avvicinamento progressivo e via via sempre più intenso verso una realtà digitale a 360 gradi. Tanto il lavoro quanto la vita privata si sta spostando sempre […]

Leggi la news >