Social recruiting: LinkedIn si classifica come numero Uno
N

News

LinkedIn si conferma il numero uno per il social recruiting

di Sabrina Andreose

clock image2 minuti

LinkedIn social recruiting più importante

Work trends study” è l”ultima ricerca svolta da Adecco in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. La ricerca mette in luce la forte influenza dei social media nei confronti di chi è in cerca di occupazione lavorativa.

In concomitanza, i recruiter perdono terreno. Qual è la funzione dei social network nel settore del lavoro? Come vengono sfruttati?

Lo studio dice che:

  • il 61% dei candidati li utilizza per cercare annunci;
  • il 52.3% per rispondere alle candidature;
  • il 50.1% per visionare le pagine delle società in cerca di dipendenti.

Quanto tempo occorre per cercare lavoro sulle piattaforme social? In generale il periodo stimato è pari al 72%.

Puntiamo ora l’obiettivo dalla parte dei recruiter: LinkedIn mantiene incontrastato il primato da anni, superando ogni rivale. I dati raccolti svelano tuttavia un utilizzo minore della piattaforma rispetto al passato (72% contro l’88% del 2015).

Facebook in compenso cresce (con il 31.7% nel 2019 e il 27% nel 2015), seguito da Instagram. Twitter si classifica tra gli ultimi posti.

I social media sono inoltre sfruttati dagli incaricati all’assunzione del personale per visionare Curriculum Vitae e osservare con attenzione caratteristiche e qualità dei candidati (72%).

I profili scartati in seguito alle analisi dei contenuti pubblicati sui social network sono in forte aumento (22,1% rispetto al 12% del 2015).

Quali elementi penalizzano la possibile assunzione? La mancata corrispondenza tra quanto riportato nel CV e ciò che viene condiviso sui social, i feedback negativi lasciati da clienti o datori di lavoro e la scarsa partecipazione alla community del networking.

image of sabriandre

Sabrina Andreose

Sabrina Andreose - Appassionata di musica d’autore, videogiochi, scrittura e sartoria. Amo tutto ciò che è arte: creare e dare forma all...

N

News

Le nuove regole del Business e la crisi provocata ...

Business e crisi Covid-19

La crisi economica non svanirà presto, inutile negarlo. “L’anoressia industriale” (così la definiscono gli esperti), provocherà stravolgimenti, con tagli dei costi e nuove regole. La recessione non dovrà però peggiorare i servizi offerti ai clienti, che col tempo potrebbero stancarsi, allontanandosi per sempre. Le regole della concorrenza ora sono cambiate: le nuove tecnologie imprenditoriali hanno […]

Leggi la news >
N

News

Zoom Video Meeting: la società alza il livello di...

zoom e sicurezza

Zoom è una delle app più utilizzate delle ultime settimane. Consente di organizzare video conferenze con più partecipanti, in modo pratico e veloce. La diffusione del Covid-19 ha causato l’improvvisa crescita dello smart working: tantissime persone si connettono a Zoom per video chattare. Zoom è nato nel 2011, il suo utilizzo principale è sempre stato […]

Leggi la news >
N

News

eBay aiuta le PMI italiane durante l’emergen...

eBay e coronavirus

Le aziende che lavorano nel settore eCommerce non si sono fermate, continuando a lavorare online nonostante il Coronavirus. A tal proposito, eBay ha introdotto alcune novità per supportare sia i venditori già attivi, che quelli che si approcciano per la prima volta al commercio online. Il Covid-19 sta mettendo a dura prova l’intero Paese, generando […]

Leggi la news >